Sei in Archivio

CASTELNOVO SOTTO

Scambio di conti correnti: 45enne faceva la spesa ma pagava una ignara compaesana. Da 9 anni

La donna è assistita da Confconsumatori. Bpm ha restituito il denaro alla vittima, una 70enne, citando in giudizio la 45enne

01 giugno 2018, 21:24

Scambio di conti correnti: 45enne faceva la spesa ma pagava una ignara compaesana. Da 9 anni

Una donna di Castelnovo Sotto, nel Reggiano, è diventata involontaria beneficiaria di un errore bancario. Ben 43mila euro accumulati in 9 anni di spesa al supermercato sarebbero infatti finiti sul conto corrente di un’ignara compaesana 70enne, che per quasi un decennio avrebbe di fatto sostenuto le spese della 45enne.
L’istituto di credito Bpm, una volta appurato il malinteso, ha restituito il denaro all’anziana signora, citando in giudizio l'altra donna: il contenzioso legale è stato dichiarato improcedibile dal giudice, in mancanza di un funzionario della banca a processo, delegato esclusivamente all’avvocato.
A rappresentare invece la 45enne è stata Confconsumatori, tramite i legali Sergio Di Chiara e Lorenzo Zappaterra, nel sostenere le ragioni della donna: «La nostra assistita aveva acquistato una tessera Conad 9 anni fa, con addebito bancario sul conto corrente - spiegano i due avvocati ferraresi -. Ma il massimale della carta era stato fissato a 200 euro mensili, pertanto la cifra finale di 43mila euro non è corretta. Inoltre i primi tre anni sarebbero già caduti in prescrizione. Non sappiamo come sia accaduto e come mai l’anziana signora abbia notato così tardi i numerosi prelievi dal suo conto».