Sei in Archivio

VISITA

Pizzarotti e Bonaccini accolgono a Parma il presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Parteciperà al congresso delle Fondazioni di Origine Bancaria e delle Casse di Risparmio

06 giugno 2018, 15:18

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è giunto all’Auditorium Paganini per la cerimonia di inaugurazione del 24esimo congresso dell’Acri, l'associazione che riunisce le Fondazioni di origine bancaria e le casse di risparmio spa. Ad accogliere Mattarella, fra gli altri, il sindaco Federico Pizzarotti, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e il presidente dell’Acri Giuseppe Guzzetti.

Una nota dell’associazione ricorda come le 75 Fondazioni associate rappresentative di oltre il 96% dell’aggregato patrimoniale del sistema,hanno registrato nel 2017 secondo i dati preliminari «un notevole aumento dell’avanzo netto di gestione, che è pari a circa un miliardo e mezzo di euro, con una crescita superiore all’80% sul risultato 2016, prendendo a riferimento lo stesso campione».
«Significativo è l’incremento del carico fiscale (imposte dirette, sui proventi percepiti, e indirette, come Irap e Imu), cresciuto del 31%», passando dai 354,6 milioni di euro del 2016 a ben 466 milioni nel 2017 per il campione considerato (di cui 266 per imposte sostitutive sui redditi degli investimenti finanziari, 174 milioni a titolo di Ires, 4 milioni per l’Imu, 3 milioni per l’Irap). 

Più o meno in linea con lo scorso anno (-0,6%), spiega l’Acri, sono invece le erogazioni deliberate, pari a 908,1 milioni di euro. Il disallineamento tra l’andamento delle erogazioni e la forte crescita dell’avanzo di gestione ha sostanzialmente due ragioni. In primo luogo la decisione di molte Fondazioni di ricostituire i fondi erogativi utilizzati negli anni precedenti, che sono stati caratterizzati da una generale flessione dei ricavi. In secondo luogo la prassi di stabilire le risorse per le erogazioni in base alle disponibilità conseguite nell’esercizio precedente. Questo fa sì che i maggiori avanzi del 2017 dovrebbero esplicare il loro effetto nell’esercizio 2018.