Sei in Archivio

IL VINO

100% barbera per il Nizza Docg: il «Generala» 2014 è un sogno

di Andrea Grignaffini -

18 giugno 2018, 23:41

Un severo e ferreo disciplinare regola la produzione del Nizza Docg contraddistinto per l’impiego di uve Barbera al 100% provenienti da vigne particolari per l’esposizione e rese imposte in soli 18 comuni dell’astigiano piemontese. Siamo in una delle zone più vocate dell’enologia italiana, patria indiscussa quando si parla di Barbera. Gli sforzi dei produttori sono stati premiati con il primo riconoscimento qualitativo ottenuto nel 2000 quando Nizza venne inserita tra le sottozone della Barbera Doc Superiore. Successivamente con la vendemmia 2008 è arrivata l’identificazione della Docg della Barbera d’Asti e infine nel 2014 è nata la denominazione “Nizza” e con lei relative opportunità di inserire la tipologia “riserva” e la menzione “vigna” in etichetta per elevarsi e presentare le caratteristiche delle singole aree produttive raccolte poi in una mappa creata da Enogea. Fra i vari vignaioli aderenti a questo progetto l’azienda Bersano rappresenta al meglio la storia enoica di questo territorio. Siamo agli albori del secolo scorso (1907) con l’entrata in campo della Casa Vinicola Bersano a conduzione familiare passata successivamente ad Arturo Bersano che con lungimiranza e passione affina nuove tecniche di vinificazione in cantina facendosi garante della qualità del vino dall’uva alla bottiglia. L’azienda negli anni si espande fino a raggiungere i 230 ettari vitati con l’acquisizione di cascine storiche con annessi vigneti destinati alla produzione di Selezioni e Riserve con un ventaglio di vitigni ampio e articolato. Oggi la seconda generazione vede al comando Federica Massimelli e Corrado Soave che con il Nizza Generala Docg hanno realizzato il sogno di Arturo Bersano. E la Riserva 2014 profuma di rosa appassita, viola e peonia; il gusto esplosivo è in feeling con le note olfattive. Ampio, di grande eleganza e freschezza cavalca il gusto della tradizione certificando il proprio stile nella storia enoica piemontese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA