Sei in Archivio

RICORRENZA

Parma (ma anche Cervia, Reggio e Piacenza) festeggia i 50 senza Giovannino

19 giugno 2018, 19:34

Parma (ma anche Cervia, Reggio e Piacenza) festeggia i 50 senza Giovannino

Un anno per celebrare con mostre, rassegne cinematografiche, concorsi e presentazioni il grande scrittore Giovannino Guareschi, a 50 anni dalla morte e 110 dalla nascita. Il cartellone di iniziative per il papà di Don Camillo e Peppone è stato presentato in Regione Emilia-Romagna dagli assessori al turismo e alla cultura, Andrea Corsini e Massimo Mezzetti, e dai promotori del comitato organizzatore, i sindaci parmensi di Roccabianca, comune natale di Guareschi, Marco Antonioli, e di Busseto, Giancarlo Contini oltre che dal presidente del comitato, Giorgio Vittadini.
«Con il suo spirito anticonformista e libero da ogni forma di servilismo al potere - ha detto Mezzetti - Guareschi, uno degli scrittori italiani più tradotti, è una delle figure di primo piano della scena culturale italiana del '900. La valorizzazione della sua opera, che da anni la Regione sta portando avanti attraverso il lavoro dell’Istituto beni culturali, fa proprie le istanze di una variegata compagine di intellettuali e studiosi».
Tra le iniziative in programma, anche una mostra di fotografie autografe dello scrittore che sarà inaugurata a Cervia (Ravenna), dove Guerreschi morì nel 1968. L’incontro è stato anche l’occasione per fare il punto sui progetti di sviluppo e promozione turistica del territorio della Bassa dove sono ambientate le storie di Don Camillo e Peppone a un anno dalla nascita di Destinazione Emilia, la "rete" di istituzioni e soggetti privati che riunisce sotto un unico marchio le province di Piacenza, Parma e Reggio Emilia.
Tra questi, Corsini ne ha sottolineato uno dedicato ai set cinematografici: «Nessuna altra regione - ha detto l’assessore - può vantare una ricchezza di autori e una centralità nella storia del cinema come la nostra. Basta pensare a cineasti come Antonioni, Bertolucci, Fellini, Avati, Belloccio, Pasolini, solo per citarne alcuni. L’epopea di Don Camillo e Peppone nella Bassa tra Parma e Reggio Emilia rientra a pieno titolo in questa strategia promozionale». Non a caso un altro appuntamento di spicco delle celebrazioni di Guerreschi è un festival cinematografico in programma a Busseto tra novembre e dicembre con proiezioni nel prestigioso Teatro Verdi.