Sei in Archivio

emiliaromagna

Migranti:Schlein(Possibile),proposta italiana nulla di nuovo

25 giugno 2018, 15:10

Migranti:Schlein(Possibile),proposta italiana nulla di nuovo
BRUXELLES  - "Una proposta presentata come completamente nuova, ma che dice quanto sapevamo già: il governo italiano non può che sostenere la riforma di Dublino approvata dal Parlamento europeo". Così commenta l'europarlamentare di Possibile Elly Schlein, relatrice per il gruppo S&D della riforma del regolamento di Dublino, la proposta presentata ieri dal premier Giuseppe Conte al minivertice Ue. "Dei dieci punti dell'European Multilevel Strategy for Migration - continua - ben quattro sono già contenuti nella proposta di riforma votata dai due terzi del Parlamento europeo, come ad esempio la cancellazione del criterio del primo Paese d'ingresso, la ripartizione automatica e obbligatoria in tutti i Paesi Ue dei richiedenti asilo, e le sanzioni sui fondi strutturali per chi non accoglie. Mentre la parte relativa all'esternalizzazione delle frontiere è un chiaro cedimento alla linea Salvini e all'asse con i paesi Visegrad". Ma, sottolinea ancora Schlein, "è una strategia che non dice nulla di nuovo rispetto a quanto hanno già fatto sino ad oggi. Sono anni che i governi europei provano ad adottare questa strategia, ma non ha mai funzionato, salvo che violare diritti fondamentali altrove. Per ora l'unica vera novità è un governo che ha due linee sull'immigrazione contrastanti che determinano una progressiva e rapida perdita di credibilità del nostro Paese nei confronti dei partner europei". "Non c'è soluzione, specie per l'Italia - conclude l'europarlamentare - che non passi da una maggiore solidarietà europea e quindi dalla riforma di Dublino".

© RIPRODUZIONE RISERVATA