Sei in Archivio

news

Ferrovie: Corte conti Ue, la Tav in Italia costa il doppio

26 giugno 2018, 20:00

BRUXELLES - L'Italia spende circa il doppio per le linee ferroviarie ad alta velocità rispetto a Germania, Francia e Spagna. E' quanto emerge da un rapporto della Corte dei conti europea, secondo il quale nel nostro Paese ogni chilometro di linea super veloce realizzato finora è costato 28 milioni di euro, contro i 13 dei tedeschi, i 15 dei francesi e i 14 degli spagnoli. Non solo, ma da noi i costi stanno anche aumentando più velocemente: se consideriamo anche le linee in via di costruzione (esclusi il Brennero e la Torino-Lione), il costo sale a 33 milioni, con una dinamica più rapida rispetto agli altri.   Ed è italiana la seconda linea ad alta velocità più costosa tra questi quattro Paesi: la Milano-Venezia, costata 87,1 milioni al chilometro, seconda solo alla Stoccarda-Monaco, che è venuta a costare 114 milioni al chilometro.   D'altra parte, il nostro Paese vanta una migliore concorrenza. "Mentre il mercato non è aperto in Francia e in Spagna, lo è in Italia - ha spiegato spiega Luc T'joen, funzionario della Corte tra i responsabili del rapporto -. E lì abbiamo visto che ci sono più treni grazie alle competizione, migliori servizi e costi inferiori". I costi elevati di realizzazione dell'alta velocità, poi, stanno spingendo gli italiani a una maggiore prudenza: il rapporto cita come caso di buona pratica la Venezia-Trieste, dove si è optato per aggiornare la linea esistente permettendo di percorrere il tratto in 65 minuti, piuttosto che realizzarne una nuova ad alta velocità che avrebbe fatto risparmiare appena 10 minuti, risparmiando così 570 milioni di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA