Sei in Archivio

FERROVIE

Disagi dopo la cancellazione di due Frecciabianca per Milano: lettera dei pendolari di Parma

29 giugno 2018, 12:47

Disagi dopo la cancellazione di due Frecciabianca per Milano: lettera dei pendolari di Parma

Il lettore Federico invia un intervento, a nome di un gruppo di pendolari che usa i treni per Milano, per protestare per i disagi legati alla sospensione di due Frecciabianca. 


"Trenitalia ha sospeso, a partire da lunedì 18 giugno, la circolazione dei treni Freccia Bianca 8802 (treno da Ancona a Milano che ferma a Parma alle 7:53) e 8829 (treno da Milano ad Ancona che parte alle 19:35 da Milano e ferma a Parma alle 20:46).
La comunicazione di tale sospensione sospensione, che sembra essere temporanea fino al 13 luglio per lavori, è avvenuta modalità non chiare, non tempestive e non fatte attraverso i canali adeguati. 
Alcuni pendolari hanno appreso da diversi organi di stampa, da circa 2 mesi, la notizia circa la soppressione definitiva dei due treni Freccia Bianca, e quindi non provvisoria, motivata da tagli di costi da parte di Trenitalia;
Il personale nelle stazioni di Parma e Milano non era a conoscenza di alcuna variazione fino a venerdì 15 giugno (3 giorni prima della sospensione);
Nelle stazioni di Parma e Milano sono stati esposti avvisi informativi in merito a tale sospensione solo 17 giugno (il giorno prima della soppressione)
L’avviso della sospensione è comparso sul sito di RFI e non di Trenitalia in una data imprecisata in quanto nella stessa pagina non è riportata la data di pubblicazione. 
I lavori interessano una zona compresa tra Rimini e Bologna e trenitalia non ha predisposto alcun treno suppletivo nella tratta bologna-Milano, che serve un significativo numero di pendolari.

In qualità di pendolari e di fruitori del servizio ci sentiamo di sensibilizzare l’amministrazione comunale, a cui abbiamo inviato lo stesso messaggio, e l’amministrazione regionale, con la quale è in contatto l’associazione pendolari di Piacenza. Per quanto i treni suddetti non siano oggetto del Contratto Regionale di Trasporto sono in ogni caso utilizzati da molti pendolari di Piacenza, Parma e province limitrofe che per l’utilizzo di questi pagano un supplemento sul costo degli abbonamenti regionali mensili e annuali.

Intendiamo aprire un dialogo con Trenitalia per avere risposte chiare sulle strategie aziendali dei prossimi mesi, onde evitare la paventata soppressione dei due treni".