Sei in Archivio

salsomaggiore

Tabiano: colpo al relais, rubata la cassaforte

Furto nella notte all'Antico Borgo: i ladri si sono mossi con sicurezza. Difficile identificare i responsabili, nella zona non ci sono telecamere

12 luglio 2018, 21:37

Tabiano: colpo al relais, rubata la cassaforte

Ancora una volta i soliti ignoti sono entrati in azione sul territorio salsese.

Questa volta è stata violata la tranquillità della frazione di Tabiano Castello ed a farne le spese, più in particolare, è stato il relais de charme «Antico Borgo», magnifica struttura sottoposta a restyling alcuni anni fa dalla famiglia Corazza, proprietaria anche del maniero risalente all’XI secolo, dal quale è sparita una cassaforte. I malviventi, alcune notti fa, approfittando del buio, si introdotti nell’area del relais de charme, un complesso articolato in vari punti costituito, tra l’altro, da ristorante con sala da pranzo e terrazzo panoramico, centro benessere, sala congressi e camere da letto, dirigendosi, praticamente a colpo sicuro, verso una delle strutture del relais stesso, ovvero quella dove si trova il locale che ospita la cassaforte: una volta all’interno della struttura, i ladri hanno forzato la porta dell’ufficio impossessandosi della cassaforte.

Raggiunto l’obiettivo, i soliti ignoti sono fuggiti con ogni probabilità a bordo di un’autovettura con la quale sono arrivati a Tabiano Castello.

Ad accorgersi di quanto accaduto è stato la mattina seguente, al momento della riapertura, il personale di servizio che ha notato la porta forzata e la mancanza della cassaforte. A quel punto sono stati avvisati, oltre ai responsabili della struttura, anche i carabinieri della compagnia di Salsomaggiore che hanno effettuato un sopralluogo a Tabiano Castello con gli uomini della Scientifica: i primi per raccogliere le testimonianze del personale, i secondi per rilevare la presenza di eventuali impronte o tracce lasciate dai malviventi nel corso dell’azione. Il furto, il cui valore deve essere ancora quantificato con esattezza, è stato denunciato ai militari di via Salvo D’Acquisto che ora dovranno indagare sull’accaduto: indagini che si presentano di non facile esecuzione poiché nella zona non ci sono telecamere di videosorveglianza del territorio e dunque non vi sono immagini dei malviventi.