Sei in Archivio

TROPEA

Terremoto in Calabria: paura all'alba, gente in strada

Scossa di magnitudo 4.4 al largo della Calabria. Non ci sono danni

14 luglio 2018, 11:55

Terremoto in Calabria: paura all'alba, gente in strada

Un terremoto di magnitudo 4.4 è stato registrato dagli strumenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia in mare al largo delle coste di Tropea, in Calabria. La scossa, che si è verificata ad una profondità di 57 km, è stata avvertita nettamente dalla popolazione. Secondo le prime verifiche del Dipartimento della Protezione Civile al momento non si registrano danni a persone o cose, anche se sono state decine le telefonate ai centralini di vigili del fuoco e forze di polizia, con i paesi costieri in questo periodo affollati di turisti.

Il sisma si è verificato alle 4.50 della notte - riferisce l’Ingv - al largo della Costa Calabra sud occidentale ad una profondità di 57 chilometri, ed è stato chiaramente avvertito nelle province di Catanzaro, Vibo Valentia e Reggio Calabria. Molta paura, la gente è uscita in strada, ma non è stato segnalato alcun danno. 

Dopo il terremoto di magnitudo 4.4 registrato alle 4.50 dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia con epicentro in mare al largo di Tropea ad profondità ipocentrale di 56.6 km, «da molti comuni della Calabria sono pervenute numerosissime segnalazioni al numero verde 800222211 della Sala operativa regionale unica (SORU) della Protezione civile della Regione Calabria soprattutto - oltre che dalla popolazione residente - anche dai molti turisti che affollano la costa tirrenica calabrese». Lo rende noto la stessa protezione civile.
I tecnici della SORU dal momento del sisma sono in costante contatto con i sindaci ed i tecnici dei comuni più prossimi all’area epicentrale. La Protezione civile regionale ha comunque avviato ulteriori approfondimenti - con proprio personale - per verificare gli effetti del sisma sulle strutture confermando che al momento non si registrano danni a persone e cose.
«Il fenomeno - afferma la Protezione civile - è stato originato da un sistema di faglie molto prossimo al largo della costa tirrenica vibonese e non ha alcuna correlazione con il vulcano Marsili, ben più distante dalla stessa costa».