Sei in Archivio

salso

Caos Lega , il segretario Coppellotti si dimette: «Non ascoltato e offeso»

Era in carica dal 2014: «Durante la campagna fatte scelte contro il mio parere, ma per il bene del partito sono stato zitto. Siamo l'unica sezione che è riuscita a perdere questa tornata elettorale»

21 luglio 2018, 17:37

Caos Lega , il segretario Coppellotti si dimette: «Non ascoltato e offeso»

Il segretario della locale sezione della Lega, Giuseppe Coppellotti, si è dimesso dalla carica che ricopriva sin dall’aprile del 2014. Dopo essere stato rieletto all’unanimità lo scorso anno, Coppellotti ha deciso di lasciare la carica.
«Da qualche tempo ho la sensazione di non essere più in grado di rappresentare la sezione per il clima che si è venuto a creare al suo interno – afferma Coppellotti – In più occasioni, alcuni componenti il direttivo si sono espressi contro le proposte da me avanzate e volte sempre al bene della sezione stessa. Nella recente campagna elettorale sono state fatte scelte contro il mio parere e sono stato offeso in più occasioni. Da parte mia, per non pregiudicare l’unità della sezione e la campagna elettorale, ho preferito non dire nulla ma ora ritengo sia giusto fare questo passo anche per dare modo, a chi lo ritiene, di far meglio del sottoscritto. Siamo l’unica sezione che nonostante tutti i ''politologi, strateghi ed esperti in comunicazione'' è riuscita a perdere questa tornata elettorale in cui tutti, compreso il Pd, ci davano per vincitori assoluti. Ritengo scorretto, inoltre, che il segretario provinciale, Emiliano Occhi, e quello nazionale, Gian Luca Vinci, abbiano ritenuto in alcune occasioni di non parlare direttamente con il sottoscritto ma con altri componenti la sezione. I risultati sono sotto gli occhi di tutti e sono dal mio punto di vista assolutamente negativi. In questi anni mi sono sempre dato da fare per il bene della sezione e soprattutto del partito perché sono una persona che se si prende un impegno lo porta avanti e spesso con successo. Spero sinceramente facciano meglio di me, ma avremo modo di riparlarne più avanti». M.L.