Sei in Archivio

IL VINO

Il «Godenza» di Noella Ricci, la Romagna e il suo Sangiovese

di Andrea Grignaffini -

22 luglio 2018, 14:28

Il «Godenza» di Noella Ricci, la Romagna e il suo Sangiovese

Sulle dolci colline romagnole dove arrivano leggeri i profumi del vento, del mare, delle erbe e delle vigne, in quel di Predappio e della Valle dei Rabbi, ci intriga la storia di Noella Ricci, una signora del vino che si dedica con passione al Sangiovese, il vitigno più noto del territorio. Ma in questa storia non c’è solo la produzione di un buon Sangiovese, ma la storia di una famiglia che da quattro generazioni porta avanti con perseveranza e amore per la propria terra l’intento di sfruttare al meglio il suolo ricco di antiche argille e sabbie calcaree, terreno ideale per la messa a dimore di vigne e tornare così al passato con un Sangiovese dal colore chiaro proprio come veniva prodotto un tempo. E allora ecco Noella Ricci, con un impegno a tutto tondo, dedicarsi con pazienza, determinazione e dedizione alla cura dei filari e via via accompagnando l’uva in tutto il suo percorso dalla vendemmia manuale con un’accurata selezione dei grappoli a metà settembre, al passaggio in cantina praticato con scrupolo certosino e attenzione alle tradizioni.

L’azienda produce un bianco che si beve con piacere, il Bro’ quasi in totalità Trebbiano Romagnolo con piccola aggiunta di Pagadebit dal sorso ricco che si abbina con le grigliate romagnole. Arriviamo poi alla gloria locale, il Sangiovese, un vitigno a bacca nera dalle origini incerte ma che nei secoli è diventato diffuso nel nostro Paese trovando terreni altamente vocati in due regioni, Toscana e Romagna, appunto. Nel Caso della Ricci, il Godenza Romagna Sangiovese Superiore, è un cru di un unico vigneto presso l’omonimo podere di Predappio (argille e marne, con presenza di sabbie) ad una latitudine tra i 300 e i 340 metri. La fermentazione e la macerazione sulle bucce avvengono in tini d’acciaio, lo stesso per l’affinamento. Un vino dove si intrecciano fiori, erbe e frutti rossi, dal sorso progressivo e invogliante per eleganza e classe. La Romagna e il suo Sangiovese.