Sei in Archivio

RICORDO

Marchionne e il discorso al Politecnico di Torino: "Il rispetto per gli altri deve rimanere un valore essenziale"

L'Ateneo gli conferì la laurea honoris causa in ingegneria gestionale nel 2008

25 luglio 2018, 23:01

Marchionne e il discorso al Politecnico di Torino:

Il Politecnico di Torino ricorda Sergio Marchionne, su Twitter, a cui nel 2008 conferì la laurea ad honorem in ingegneria gestionale «per la lunga e prestigiosa attività manageriale a livello internazionale».

«Il giudizio su quello che una persona ha fatto nel corso della sua carriera non dipende da quello che ha raggiunto ma solo da quello che ha lasciato». E' uno dei passaggi del discorso che Sergio Marchionne tenne nel 2008 davanti agli studenti del Politecnico di Torino. «Senza dubbio il mondo di oggi si trova in un momento difficile da capire e da gestire. Ma non penso che ci siano età più facili di altre. In ogni epoca milioni di persone si trovano a fare i conti con quello che è stato lasciato dal passato: è la storia della vita, quando capita di venire in possesso di un’eredità enorme. Non hai fatto nulla per averla e quel punto puoi scegliere cosa fare per chi domani dovrà raccogliere la tua eredità».

«Il progresso dipende in gran parte da quando saremo in grado di costruire una società pluralista e multiculturale» in «un’epoca globale», disse ancora Marchionne.
Un discorso filosofico, con riferimenti a Karl Popper, e G. W. F Hegel e Albert Einestin, in cui Marchionne delineò la sua visione della società, in cui «il rispetto per gli altri deve rimanere un valore essenziale», «è l’unica cosa che ci rende persone. Rispetto per gli altri significa soprattutto rispetto per la diversità».