Sei in Archivio

Carpi

19enne nigeriano con permesso di soggiorno per motivi umanitari molesta giovane in pieno giorno

05 agosto 2018, 21:22

19enne nigeriano con permesso di soggiorno per motivi umanitari molesta giovane in pieno giorno

In pienissimo giorno, erano le 14.30, e in pienissimo centro storico, perchè a Carpi la zona della biblioteca si trova proprio nel cuore della città. Prima le ha rivolto degli apprezzamenti espliciti, poi l’ha bloccata molestandola ripetutamente: se la vittima non fosse riuscita a divincolarsi, entrando proprio all’interno dell’edificio dove c'erano persone intente a consultare gli scaffali con i volumi, probabilmente, il 19enne nigeriano con permesso di soggiorno per motivi umanitari, non si sarebbe fermato.
A dirlo sono anche le accuse che ora gli vengono rivolte dalla Polizia di Stato, non solo il racconto della donna aggredita. Violenza sessuale e lesioni, sono le ipotesi di reato a suo carico, quest’ultima rafforzata dal fatto che la donna ha riportato una prognosi di dieci giorni, come è stato accertato in ospedale, a causa della violenta stretta del braccio che il giovane le ha messo al collo.
Così come successo nella vicinissima Reggio Emilia, sempre in Emilia, ma stavolta in provincia di Modena, si torna a parlare di violenza sulle donne, dopo l’episodio accaduto nella giornata di venerdì. Il 19enne è stato ben presto rintracciato dalla Polizia di Stato del commissariato di Carpi, accorsa sul posto quando la donna è riuscita a dare l’allarme con suo il cellulare.
Il giovane, giunto in Italia nel 2016, è in possesso del permesso di soggiorno, rilasciato dalla questura di Vibo Valentia, gli è stato invece rifiutato lo status di rifugiato politico, che aveva richiesto. Ha precedenti per stupefacenti, rissa e resistenza. Se in un primo momento si era parlato di arresto in flagranza di reato, si sa ora che lo straniero è stato invece sottoposto a fermo di Polizia giudiziaria. Nella mattinata di domani si svolgerà l’udienza di convalida, fino ad allora resterà nel carcere di Sant'Anna, a Modena.
Alberto Bellelli, sindaco Pd di Carpi, venuto a conoscenza dell’accaduto, è intervenuto chiedendo una svolta nella gestione degli immigrati irregolari e delle espulsioni: «Come amministrazione comunale - le parole del sindaco - siamo a ringraziare l’intervento tempestivo della polizia di Stato che ha permesso di catturare immediatamente il delinquente che si è reso responsabile dell’aggressione di ieri pomeriggio. Chiediamo più controlli sull'immigrazione irregolare e pene severe compresa l’espulsione per chi delinque, soprattutto come in questo caso per chi è recidivo e non avrebbe dovuto più essere in Italia».
La violenza avvenuta a Carpi scuote anche il Movimento Cinque Stelle. Gli esponenti nazionali e locali modenesi del Movimento, intervengono in merito: «Le recenti notizie che giungono da Piacenza, Reggio e Ferrara - scrivono i Cinque Stelle - non confortano e delineano una strumentalizzazione del corpo femminile nella mentalità distorta di chi compie atti di violenza». Contro questo fenomeno, viene evidenziato, il Movimento 5 Stelle «ha presentato una proposta di legge sull'aggravamento delle pene per i reati di violenza sessuale, a prima firma Ascari, già portato avanti da Ferraresi nella scorsa Legislatura».