Sei in Archivio

autostrade

Bologna dopo l'apocalisse: la nuova viabilità in A1, A14 e tangenziale

07 agosto 2018, 21:56

Bologna dopo l'apocalisse: la nuova viabilità in A1, A14 e tangenziale

La chiusura completa del raccordo A1-A14 di Bologna è stata scongiurata, ma per i prossimi mesi i disagi non mancheranno. Meno di 24 ore dopo l’incidente che ha provocato la violentissima esplosione a Borgo Panigale, l'autostrada è stata riaperta, anche se per rimettere in piedi il ponte ci vorranno dai tre ai cinque mesi. Fino ad allora la circolazione sarà ridotta.
I tecnici di Autostrade per l’Italia sono infatti riusciti a confermare la transitabilità del tratto nella carreggiata opposta a quella crollata. E’ stato così predisposto uno scambio di carreggiata, che consente agli utenti provenienti da Firenze sull'Autostrada del Sole di raggiungere la A14 tramite una corsia in deviazione sulla carreggiata opposta. I rallentamenti e i disagi al traffico sono probabili. Nei giorni più intensi, come quelli da "bollino nero" per l’esodo delle vacanze, quel tratto di autostrada va spesso, infatti, in sofferenza anche in situazioni normali.
Non cambia niente, invece, per chi dall’A1 si immette in A14 provenendo da Milano e viceversa: per loro il percorso rimane inalterato e senza limitazioni.
Limitata anche la tangenziale di Bologna, che corre parallela a quel tratto di autostrada e che è importante per il traffico cittadino: è stato riaperto, fra gli svincoli 2 e 3, il tratto in direzione A1, mentre rimane chiuso il percorso in direzione A14 e lo rimarrà fino a che non sarà ristrutturato il ponte, che è collassato in occasione dell’esplosione.
Si stanno individuando i materiali necessari per cercare di completare la ricostruzione del ponte. Bisogna trovare 12 travi, che Autostrade per l’Italia sta cercando anche all’estero. «Se si trovano in fretta ci vogliono tre mesi, altrimenti si parla di cinque mesi», ha spiegato il sindaco Virginio Merola.
«Dopo la tragedia, è una prima risposta, importante anche se parziale, per rendere più fluido traffico», ha detto invece il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, che ha anche riferito in aula al Senato sullo stato della situazione, soffermandosi inoltre sulla questione relativa al traffico.
«Le simulazioni sul traffico - ha rilevato il ministro - ci dicono che con l’attuale situazione non avremo disagi in autostrada fino a settembre. Stiamo monitorando minuto per minuto la situazione e stiamo cercando di ripristinare livelli sufficienti di circolazione».