Sei in Archivio

EDITORIALE

Parma, un verdetto logico che ridà slancio

di Paolo Grossi -

10 agosto 2018, 15:05

Parma, un verdetto logico che ridà slancio

E' finita come doveva finire. La sciocchezza di Calaiò è stata una sciocchezza, il Parma non c'entrava per nulla. E la Corte d'Appello ha fatto giustizia con il suo verdetto che non poteva essere di assoluzione piena: i giudici fanno giurisprudenza, devono emettere sentenze coerenti con il passato e soprattutto con il futuro. Giusto ricordare a tutti che certi contatti prima delle partite sono a dir poco inopportuni. Essendo in vigore la pur discussa responsabilità oggettiva dei club, una sanzione toccava anche alla società ma diremmo che così tutto è stato riportato nell'alveo della logica. Alla faccia delle incommentabili uscite di Zamparini da Palermo. La faccenda appare risolta ma non senza danni: d'immagine, certo, ma anche più concreti, nello sviluppo della campagna acquisti e della campagna abbonamenti. Quest'ultima ha ripreso, ancor prima del verdetto, un bel vigore e il Tardini, anche grazie al lifting, si presenterà alla grande in serie A. Adesso, con il cuor leggero e la testa pulita si completerà la rosa. Poi, compatti, s'affronterà una nuova sfida.