Sei in Archivio

SASSARI

Barca affonda in Sardegna: un morto era sugli scogli, l'altro nella cabina

Due medici hanno perso la vita nell'incidente

11 agosto 2018, 14:31

Barca affonda in Sardegna: un morto era sugli scogli, l'altro nella cabina

Si tinge di giallo l’incidente della barca affondata questa mattina nelle acque antistanti Lu Bagnu (Castelsardo), nella costa settentrionale della Sardegna. E' stato trovato anche il corpo della persona data per dispersa. Mentre il primo morto è stato recuperato sugli scogli, il secondo è stato scoperto all’interno della cabina della piccola barca, semiaffondata in località Rasciada (Sassari). L'imbarcazione si trova molto vicino alla riva. Sul posto anche i tecnici della Scientifica e i vigili del fuoco.

LE VITTIME SONO DUE MEDICI.  Sono Pier Tonio Spanu, 70 anni, dentista di Sennori, e Giovanni Di Maria, 69 anni, urologo di Sassari, le vittime dell’incidente nautico di questa notte lungo le coste di Castelsardo, all’altezza del villaggio turistico «Rasciada». I due medici, accomunati dall’amicizia e dalla passione per la pesca, erano usciti ieri sera dal porto di Castelsardo a bordo della barca di Pier Tonio Spanu, un semicabinato da sei metri con un motore da 40 cavalli per cui non è obbligatoria la patente nautica. Hanno fatto rifornimento intorno alle 19.30 e poi sono usciti per una battuta di pesca. Durante la notte alcuni turisti avrebbero sentito un boato: l’ipotesi più probabile è che l’imbarcazione si sia schiantata contro gli scogli affioranti, resi invisibili dal buio. La prua del natante ormai quasi completamente affondato è stata notata stamattina intorno alle 7. 

Dopo l’allarme sono intervenuti la capitaneria di porto di Porto Torres, i carabinieri della stazione di Castelsardo e i sommozzatori dei vigili del fuoco di Porto Torres. Il corpo di Pier Tonio Spanu è stato recuperato sugli scogli a circa 150 metri di distanza dal relitto dell’imbarcazione, al cui interno è stato invece recuperato il cadavere di Giovanni Di Maria.
Il sostituto procuratore Cristina Carunchio ha disposto il loro trasferimento all’istituto di patologia forense di Sassari, dove nei prossimi giorni sarà eseguita l’autopsia per capire cosa abbia causato il loro decesso.
Sul motivo dell’affondamento, invece, sembrano esserci pochi dubbi: la barca presenta una enorme falla, causata quasi sicuramente dall’impatto con la piccola scogliera semisommersa vicino alla costa. La morte dei due medici, molto conosciuti e apprezzati (Giovanni Di Maria in passato è stato anche consigliere comunale nelle file del Partito democratico), ha suscitato grande cordoglio in tutto il territorio.