Sei in Archivio

primopiano

Genova: Ue a Salvini, nelle regole c'è flessibilità per lo sviluppo

16 agosto 2018, 18:30

Genova: Ue a Salvini, nelle regole c'è flessibilità per lo sviluppo
BRUXELLES - "Le regole fiscali concordate" a livello Ue "lasciano la flessibilità a qualsiasi Stato di fissare le proprie specifiche politiche prioritarie e questo può essere lo sviluppo e la manutenzione delle infrastrutture. Inoltre c'è flessibilità, nell'ambito del Patto di stabilità, e l'Italia è stato uno dei principali beneficiari di questa flessibilità". Così un portavoce della Commissione Ue, rispondendo sulle accuse lanciate dal ministro Salvini ai "folli vincoli europei", dopo il crollo del ponte di Genova.   "Per quanto riguarda la responsabilità sulla sicurezza delle infrastrutture stradali sul Trans-European transport network (Tent)" e il ponte Morandi rientra in questa rete europea, "nel caso sia gestita da un operatore privato, è il concessionario ad avere la responsabilità della sicurezza e della manutenzione della strada", ha detto il portavoce della Commissione Ue Christian Spahr sul crollo del ponte a Genova, ricordando la direttiva europea del 2008, per assicurare che le valutazioni sulla sicurezza siano una priorità sulle strade della rete Tent.      

© RIPRODUZIONE RISERVATA