Sei in Archivio

GENOVA

Salvini: "La revoca resta anche se Autostrade farà la sua parte". Domani un minuto di silenzio anche a Parma

17 agosto 2018, 17:28

Salvini:

«No, non siamo al mercato». Lo ha detto a Tgcom24 il ministro dell’Interno, Matteo Salvini alla domanda se potrebbe essere messa da parte la via della revoca se Autostrade mettesse a disposizione fondi e aiuti. «Ci sono i morti. Se facesse quello che ha detto di fare, Autostrade farebbe il minimo del dovuto per risarcire in minima gli italiani. Ma non siamo lì a contrattare a fronte di questa tragedia», «Non cerco vendetta», ha aggiunto, «ma l'atteggiamento del governo sarà rigoroso».

Una donna coinvolta nel crollo del ponte autostradale Morandi ricoverata all’ospedale Galliera e sottoposta a interventi chirurgici per lesioni all’addome stamani è stata risvegliata dal coma farmacologico. La prognosi resta riservata ma ci sono «buone speranze che possa sopravvivere». Lo annuncia il responsabile del Dipartimento Interaziendale Emergenze Angelo Grattarola oggi pomeriggio a Genova.
All’ospedale Villa Scassi ci sono due pazienti in terapia intensiva e per entrambi, ha detto, c'è «una ragionevole certezza di sopravvivenza». All’ospedale San Martino ci sono sei pazienti, uno di origine ceca con fratture costali che ieri ha cominciato nuovamente a alimentarsi e potrà essere dimesso nei prossimi giorni dopo gli ultimi controlli. Due pazienti sono molto critici in terapia intensiva, un uomo e una donna: la seconda è stata travolta dal crollo mentre era sotto il ponte e oltre al trauma ha subito una intossicazione grave da ossido di carbonio mentre l’uomo, un camionista di origine romena, ha un trauma cranico molto grave. Tra i feriti c'è una coppia ucraina: il marito è stato risvegliato pochi minuti fa dopo un intervento chirurgico di sintesi di quattro vertebre cervicali e altre lesioni. Infine c'è il ragazzo genovese di 28 anni, diventato uno dei simboli della tragedia perchè ha la moglie che deve partorire a breve. E’ rimasto quattro ore appeso a testa in giù a bordo del suo mezzo perdendo il suo collega di lavoro nell’incidente. Ha fratture al bacino non chirurgiche, è in buone condizioni e entro un mese potrà fare il papà anche se il braccio sinistro sarà bloccato per un certo periodo.

Intanto domani anche a Parma è previsto un minuto di silenzio in ricordo delle vittime del crollo del Ponte Morandi.

Intanto, vista la relazione dell’ufficio tecnico comunale il sindaco di Benevento Clemente Mastella ha deciso di emettere un’ordinanza con la quale stabilisce la chiusura al traffico leggero e pesante, in via precauzionale, del ponte «San Nicola», realizzato da Morandi nel 1955 a Benevento. «So - dice all’ANSA Mastella - che ci saranno dei disagi per i cittadini ma è anche vero che è meglio avere disagi che disgrazie, come avvenuto con il crollo del ponte a Genova».