Sei in Archivio

Strada Cairoli

La rastrelliera? Self service per i ladri di bici

21 agosto 2018, 05:00

La rastrelliera? Self service per i ladri di bici

Il lucchetto a U ha resistito alla prova del tronchese. E' ancora lì, intatto, ad ancorare alla sbarra la ruota (dal chilometraggio pari allo zero, per come il battistrada appare intonso). Peccato che al proprietario siano rimasti solo il lucchetto e la ruota della superbici costata chissà quanto, oltre al sellino sopravvissuto come soprammobile in casa, perché smontato a ogni uso, per gabbare i razziatori.

Viva la prudenza: peccato che il resto sia stato rubato. Mentre a una vicina vecchia bici da donna è proprio quello che manca: il sellino. Dagli altri stalli, invece, a contare tutti i furti messi a segno negli ultimi mesi sempre nello stesso punto, si potrebbe dire che a ogni vuoto corrisponda un furto.

Più che una rastrelliera, quella che si trova in strada Cairoli, a una trentina di metri da via della Repubblica (e a un centinaio dalla Questura) sembra essere un monumento ai ladri di biciclette. «Un self service» commenta un giovane residente ora costretto a pedalare sulla bicicletta di un ladro. E quindi, molto probabilmente, a sua volta rubata.

E' andata così, come si può benissimo vedere dalla registrazione di un impianto di videosorveglianza: pedalando nel cuore della notte, è comparso uno sconosciuto armato di tronchese. L'uomo ha fatto saltare il lucchetto che legava alla rastrelliera la bicicletta del giovane ed è saltato in sella al proprio «bottino», lasciando lì la vecchia due ruote con cui era arrivato. Peccato che le immagini evidenzino solo profili, non abbastanza chiari per identificare il ladro.

«Anche se c'è chi è stato visto in faccia, alla luce del sole - prosegue il giovane derubato -. Poche settimane fa, sotto gli occhi di tutti, uno s'è caricato una bici in spalla, per portarla via. E' stato bloccato dalla gente e costretto ad andarsene a piedi e senza bottino: avrà rubato un'altra bici appena voltato l'angolo...». Come se fosse la cosa più normale del mondo, arraffare una bici per strada. E alla luce del sole è stato commesso un altro furto, sempre negli ultimi tempi. Di uno scooter. E' sparito in una pausa pranzo. Era parcheggiato accanto alla famigerata rastrelliera, il vertice di un triangolo delle Bermuda per le bici e non solo.

r.c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abbonati per leggere l'articolo integrale pubblicato sulla Gazzetta di Parma in edicola e accedere alle altre notizie esclusive del giornale di oggi

Costo: 6€/mese

Se sei già un utente abbonato a Gweb+

L'abbonamento a Gweb+ consente l'accesso alla versione integrale degli articoli più interessanti del quotidiano oggi in edicola.Il costo è di solo 6 euro al mese Iva inclusa (invece di €8) utilizzando come modalità di pagamento PayPal