Sei in Archivio

francia

Attacco con coltello vicino a Parigi: due morti e un ferito grave. Ucciso l'aggressore

23 agosto 2018, 13:49

Attacco con coltello vicino a Parigi: due morti e un ferito grave. Ucciso l'aggressore

 La madre e la sorella dell’aggressore, poi ucciso dai reparti dell’antiterrorismo, sono le vittime dell’attacco di questa mattina a Trappes, alle porte di Parigi. Lo riferisce France Info citando fonti della polizia. Una vicina di casa delle due donne sarebbe invece rimasta ferita.

Isis rivendica, ma ci sono dei dubbi

L’Isis ha rivendicato l’attacco all’arma bianca compiuto oggi a Trappes, alle porte di Parigi, costato la vita a due persone e all’aggressore. Lo riferisce France Info via Twitter, precisando tuttavia che si tratta di una rivendicazione da prendere con cautela, perchè la pista di una «lite familiare» non stata «ancora scartata» dagli inquirenti.  L’uomo che questa mattina ha ucciso con un coltello la madre e la sorella e ferito gravemente una vicina a Trappes (vicino Parigi) era «un criminale con gravi problemi psichiatrici": lo ha detto ai giornalisti il ministro dell’Interno francese Gerard Collomb, giunto sul luogo delle aggressioni. Secondo il ministro l’aggressore, ucciso dalla polizia dopo che si era rinchiuso in una casa, aveva più il profilo di uno «squilibrato» che di un affiliato all’Isis. 

L'aggressione

Un uomo armato di coltello ha aggredito alcuni passanti nelle strade di Trappes, nella regione di Parigi, prima di trincerarsi in una casa gridando Allah akbar. La polizia riferisce che un uomo è morto e due sono rimasti feriti. Tra questi, l’aggressore.
L’aggressore che questa mattina ha accoltellato dei passanti a Trappes, alle porte di Parigi, è morto poco dopo la conclusione dell’operazione dei reparti antiterrorismo accorsi per neutralizzarlo. Da fonti della polizia citate dalla tv pubblica France 3 si apprende che l'aggressore, schedato come islamista radicale, aveva 36 anni ed era stato già condannato per apologia di terrorismo. Gli inquirenti restano prudenti sulle motivazioni dell’aggressione, e non è esclusa la pista di una lite per motivi familiari.