Sei in Archivio

INIZIATIVA

I cocktail del futuro? Coi fulmini: Franco «Tucci» Ponti docet (a Fidenza)

29 agosto 2018, 18:12

I cocktail del futuro? Coi fulmini: Franco «Tucci» Ponti docet (a Fidenza)

Gli ingredienti utilizzati, oltre ad alcolici e cubetti di ghiaccio, saranno anche insetti, alghe, erbe selvatiche, essenze profumate e qualche fulmine nel bicchiere. L’International Food Festival di Fidenza Village si chiude domani con la mixologia del futuro, serata affidata al noto bartender Franco «Tucci» Ponti, spesso in giro tra Parigi, Londra, New York, Los Angeles e Milano. Presenterà quattro cocktail elaborati con il food-hunter Carlo Spinelli. Risultato, a partire dalle 20 e fino alle 23, aprirà l’Atomic bar con freschi stranger coctkail da assaggiare tra tradizione e tanta innovazione cui gli appassionati possono ispirarsi.

E’ vero che userà un trasformatore per esaltare il sapore degli ingredienti? «Si, Tesla dog è un cocktail creato con la bobina di Tesla, un trasformatore risonante ad alta tensione costruito dal fisico Nikola Tesla nel 1891. Lo userò nella miscelazione per stimolare le molecole profumate ed esaltare il sapore del cocktail nella sua totalità organolettica. Gli altri ingredienti sono burbon e un infuso a freddo di lemongrass e panda leaf, una bevanda thailandese. Offrirò il mix prima e dopo il trattamento, per dimostrare le fragranze che l’alta tensione riesce a sprigionare»»

Lei innova e utilizza insetti, alga spirulina, erbe selvatiche, essenze profumate…«L’innovazione è fondamentale. Nel Tommy’s gun con tequila, lime e sciroppo di datteri il bordo del bicchiere è guarnito da farina di insetti e da un mix di spezie. Nel cocktail Sailor breakfast metto la spirulina infusa nel cognac e abbinata a un cordial lime home made»».

Poi il Time machines un Negroni rivisitato con aromi ricavati dall’alta gastronomia.««L’ingrediente segreto sono le essenze profumate «droplets» messe a punto dal bartender catalano Javier De Las Muelas»».

Qual è il primo drink che ha preparato?««Un Negroni al quale al posto del vermouth rosso misi l’extra dry, un disastro!»».

Cosa significa per lei bere responsabilmente?«« E’ un dovere al quale ognuno dovrebbe essere educato, Se uno spende 200 euro per un paio di sneakers potrebbe spendere 15 euro di taxi per tornare a casa sano e salvo». r.c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA