Sei in Archivio

ISTAT

L'inflazione accelera ad agosto (+0,5%), a Parma sale dello 0,8%

31 agosto 2018, 21:06

L'inflazione accelera ad agosto (+0,5%), a Parma sale dello 0,8%

L’inflazione accelera registrando un aumento dei prezzi che ha pesato sulle vacanze, con un boom del costo dei biglietti aerei, ma anche sugli alimentari 'lavoratì e più in generale sul paniere degli acquisti più frequenti, il «carrello della spesa». Ad agosto - rileva l’Istat - il tasso di inflazione annuo è salito all’1,7% dall’1,5% registrato a luglio. Mentre in un mese, rispetto allo scorso luglio, i prezzi sono aumentati dello 0,5%. L’indice Ipca, che tiene conto anche dei saldi, ad agosto segna invece un calo in un mese dello 0,1% e un aumento negli dell’1,7% negli ultimi 12 mesi. Dai dati del'Istituto di statistica emerge che a far accelerare quest’estate l’inflazione sono stati soprattutto i servizi di trasporto, con un balzo dal +1,7% annuo di luglio al +2,9% di agosto. In particolare si impenna il prezzo dei biglietti aerei, al +9,4% annuo dal +6,2% registrato un mese prima; in un mese il balzo è nettissimo: +29,8%. I biglietti per le destinazioni nazionali sono aumentati del 21,1% in un mese e del 20,1% rispetto ad agosto 2017. Quelli per destinazioni internazionali sono invece saliti del 32,9% in un mese e del 6,3% annuo.
Per il 'carrello della spesà, i prodotti ad alta frequenza di acquisto, l’inflazione annua si conferma ad agosto al 2,8%, come il mese prima: oltre un punto in più rispetto all’indice generale. Mentre accelerano anche i prezzi dei beni alimentari lavorati, dal +1,8% a +2,3%. Rallentano, invece, i prezzi dell’energia (dal +7,9% al +7,6%) e dei beni alimentari non lavorati (dal +3,6% al +3,0%).

A Parma l'aumento dei prezzi rispetto al mese di luglio è dello 0,8%, mentre la variazione tendenziale (su anno precedente) è di +1,3%. L'aumento maggiore riguarda bevande alcoliche e tabacchi (+4,3% e +0,6%), trasporti (+3,9% e +3,2%), spese per la casa (+3,5% e +0,1%). In forte calo i prezzi relativi all'istruzione (-14,8%), il diminuzione anche nei settori della ristorazione e delle comunicazioni.