Sei in Archivio

politica

Affondo di Pizzarotti: "M5S contagiato da abitudini della vecchia politica"

De magistris: "Con il sindaco di Parma c'è un dialogo importante in corso"

06 settembre 2018, 23:31

Affondo di Pizzarotti:

«Le cattive abitudini della vecchia politica, penso alle nomine come quella di Giarrusso, hanno ormai contagiato il Movimento Cinque Stelle. Al momento tutto questo viene giustificato dagli elettori ma finirà, perchè servono i fatti, la finanziaria è alle porte e la prima misura che emerge è togliere i soldi alle periferie dei Comuni, parlo di 1,6 miliardi che verranno distolti sul reddito di cittadinanza o altre cose». Lo ha detto il sindaco di Parma Federico Pizzarotti, ex del M5S, nel corso di una sua visita a Napoli.
Secondo Pizzarotti sul caso del sequestro dei 49 milioni alla Lega «il Movimento adotta due pesi e due misure. Penso all’atteggiamento che era stato tenuto su Angelino Alfano, oggi invece del caso della Lega nel movimento non se ne parla neanche. L’altro giorno affrontavano il tema dei corrotti, e ho sentito tante parole sul Pd e poche sulla Lega».
Anche sul tema dei migranti, Pizzarotti ha criticato l'atteggiamento del Movimento Cinque Stelle: «Credo dipenda - ha detto - un pò da un appiattimento sulle posizioni della Lega e un pò perchè l’alleanza con la Lega ha fatto emergere l’anima di destra di un movimento, in cui Fico ha sempre rappresentato l'anima più di sinistra, ma che contiene anche una grande maggioranza di centrodestra. Penso a Di Maio e Di Battista che non hanno mai nascosto le origini anche familiari di centrodestra».

Pizzarotti, dialogo con De Magistris

«Con il sindaco di Parma Pizzarotti c'è un dialogo importante in corso, condividiamo tante iniziative, c'è un percorso comune pur da posizioni non identiche». Lo ha detto il sindaco di Napoli Luigi de Magistris intervenendo all’iniziativa di Parmacotto che ha portato a Napoli anche il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, in vista di accordi tra le due città per Parma Capitale della cultura italiana 2020. Il dialogo tra i due sindaci è fortemente politico, come ha sottolineato de Magistris: «Uniamo le differenze - ha detto - che hanno dei valori comuni, a cominciare dalla difesa dei Comuni».
Pizzarotti ha confermato che «ci sono tanti temi su cui da tempo stiamo colloquiando con de Magistris, a partire dalla sottrazione dei fondi per le periferie ai Comuni da parte di questo governo, ma anche del progetto Diem 25, il partito trans-europeo di Varoufakis, con cui anche noi avevamo avuto dei contatti e capiremo come andrà a finire».
Pizzarotti si è riferito a de Magistris anche nel percorso di costruzione di un centro sinistra nuovo in cui «non faremo la stampella del Pd», spiega il sindaco di Parmma, «ma guarderemo dal mio punto di vista alla parte moderata dei cittadini che non si riconoscono nel Pd nè in quello che sta nascendo dall’altra parte. Su questo le europee sono un importante test, ma stiamo ancora lavorando sul programma, potrebbe essere presto. Sicuramente ci stiamo preparando alle elezioni regionali in arrivo come l’Abruzzo e poi la Sardegna e il Piemonte e l’Emilia Romagna a novembre».