Sei in Archivio

viaggi

Baleari, tutti pazzi per Ibiza

I soliti noti la scelgono per le vacanze. La gente comune per le feste «trasgressive»

di Chiara Cabassi -

07 settembre 2018, 00:45

Baleari, tutti pazzi per Ibiza

Per la luna di miele no! Ma per l’addio al nubilato l’ha appena scelta anche Chiara Ferragni, prima del «sì» a Noto in Sicilia. La più trasgressiva delle Baleari è la prescelta dai Bride Teams. Candide nubende capitanano le amiche di sempre in costumi coordinati, fascia da miss e coroncine floreali. L’ultima tappa da single, il mood «bride to be», si sposa alla perfezione con la isla bonita tra feste e gite in barca. Ma non solo promesse spose. Calciatori e veline, discoteche da tutta la notte e calette dall’acqua turchese assicurano il rito del sold out ogni estate.
Tutta Europa si dà appuntamento sulla Isla Blanca per una vacanza spensierata tra sole, musica elettronica e allegria spagnola. Sul bagnasciuga del triangolo delle tre spiagge più incantevoli (Cala Bassa, Cala Tarida, Cala Comte) si consuma il rito della prevendita: un biglietto o un programma completo per tutta la permanenza. Dall’ Amesia all’Ushuaia, da Es Paradis allo storico Pacha o all’Eden. Al tramonto parte il lungo serpente di auto e scooter che percorre una notte che non dorme mai.
Il fermento dura da decenni e mescola, oggi, attempati clubbers a scatenati millennials. Dolce vita nel luna park mondiale della musica elettronica da una parte, stradine in cui perdersi nella città vecchia di Dalt Vila (fortezza patrimonio Unesco), la tranquilla Santa Gertrudis per assaporare l’atmosfera dell’entroterra, o ancora una tappa alla piccola chiesa ispanica di San Miquel o lo sguardo lungo sulla costa che offrono i Cafè del mar dall’altra. A Ibiza si può chiedere tutto. Avventurarsi nell’isola significa cambiare la percezione del tempo e dello spazio. Entrare in un rifugio di libertà e di ritmi sempre diversi. Turismo e occupazione in crescita.
«Sono qui da tre anni» dice Rosa, gelataia dal pomeriggio all’una della notte, arrivata ad Ibiza con il compagno cuoco «lo stipendio è buono, il lavoro c’è da marzo a ottobre. Per il resto dell’anno l’isola è nostra e abbiamo diritto ad un’indennità di disoccupazione. Quando avremo un bambino per i primi tre anni aumenteremo il reddito di 700 euro mensili. Potevamo essere il futuro di Palermo, saremo il futuro di Ibiza».
Il tramonto è anche un momento glamour: lunghi parei di pizzo, gonne gitane, coroncine e collane a pon pon si aggiungono ai costumi e ai fisici scolpiti. I tramonti separano le strade: l’annuncio di una notte piena di avventure o il saluto di una rilassante giornata di vacanza. E anche il momento dei set fotografici: professionali o di coppie di sposi. Una sposa asiatica si è fatta immortale con il suo abito rosso a Cala Comte. E una coppia si è arrampicata con i mocassini sugli scogli di Cala Tarida. In classico blu lui. E in grigio perla l’altro lui.
Ibiza, in ogni caso, dice sempre di sì.

LE SPIAGGE
Il fascino  del mare blu e della sabbia candida
Si viene ad Ibiza per la notte, per ballare, vedere e farsi vedere. Ma non dimentichiamo che quest'isola ha alcune splendide spiagge per coloro che non rinunciano ad un tuffo nel mare cristallino. perché in fondo anche con lunghi bagni rigeneranti ci si può preparare alle notti brave.
Ecco allora una piccola guida alle spiagge da non perdere: se c’è una location magica, frutto dell’unione di due arenili (Cala Conta e Racò d’en Xic) quella è l’ormai famosa Playa de Compte. Con i piedi che affondano nella sabbia bianca vi gusterete la vista spettacolare delle isole dirimpettaie di des Bosc, sa Conillera, s’Espartar e ses Bledes.
Da non perdere, cercando la magia del mare, è anche Sa Caleta, una striscia dorata stretta tra speroni di roccia rossa con un mare dal colore dello smeraldo. Questo è un luogo magico situato a circa 2 chilometri da Santa Eularia des Riu, che vi aspetta per una giornata di mare a tu per tu con il paesaggio più pittoresco dell’isola. Vi consigliamo di visitare il sito archeologico che si trova nei suoi dintorni, un insediamento cartaginese del VII secolo a.C. dichiarato Patrimonio UNESCO.
Fotografata, popolare e ricercata, anche Cala d’Hort è una delle spiagge più in voga di Ibiza, il posto perfetto per un aperitivo al tramonto con vista privilegiata sull’isolotto di Es Vedrà, che come una freccia d’argento spunta al centro delle sue acque smeraldine. Situata a circa 11 chilometri da Sant Josep de sa Talaia, la spiaggia vanta una magnifica insenatura naturale, un arenile attrezzato in parte sabbioso in parte ghiaioso e un’atmosfera decisamente unica. Infine concludiamo con l'Islote de Es Vedrà e la sua magica piramide di roccia che spunta dal mare di fronte alla spiaggia di Cala d’Hort . Se siete stanchi della folla estiva raggiungetela via mare o tramite le escursioni guidate in barca.