Sei in Archivio

MOSTRA

"Sembianze" di Lorenzo Dondi: la bellezza regna al ristorante al Castello di Torrechiara

07 settembre 2018, 18:27

"Sembianze" è il titolo della mostra in esposizione di Lorenzo Dondi, a partire da settembre fino a gennaio 2019, nel ristorante al Castello di Torrechiara, a cura dello studio SDR di Silvia Dello Russo.

"Sembianze" è ancor prima che il nome di un’esposizione d’arte unica, la nascita di un’amicizia tra due grandi uomini appassionati del loro lavoro: Giancarlo Fusco, amato e adottato dai parmigiani, un amico per tutti quelli che lo conoscono ed un grandissimo professionista del mondo della ristorazione, che ha dato in anni di lavoro lustro e decoro al Ristorante al Castello di Torrechiara, ed il maestro Lorenzo Dondi pittore artista parmigiano dalle molteplici e notevoli doti creative, che ha saputo tradurre il suo inesauribile genio interpretativo nei suoi quadri, nei suoi gioielli, nei progetti di architettura per cui lo stesso Bloomberg allora Sindaco di New York gli fece pervenire dopo l’undici settembre 2001 una lettera di ringraziamento e merito per il suo progetto di ricostruzione di Ground Zero. Vincitore nel 2000 del Concorso di Scultura Verdiana il maestro Dondi vede riprodotta le sue creazioni in monete, lingotti e spille da UnoAerre di Arezzo. La sua opera verdiana completa è al Museo Dell’Oro di Arezzo, accanto a quelle di Salvador Dalì, Manzù, Pomodoro e Romagnoli.

"Sembianze" celebra le visioni lucide ed al contempo provocatorie e poetiche di Lorenzo Dondi che nelle sue surreali quanto realissime tele, attraverso le sale espositive del ristorante Al Castello, ritrae lo srotolarsi della storia sul tavolo della vita, intrisa di situazioni, emozioni e destini dell’animo umano.

In ogni sala storie e racconti diversi che non lasciano certo indifferente l’ospite ed il visitatore: i quadri di Lorenzo richiamano l’attenzione, colmano le cesure delle distanze tra chi osserva e ciò che è rappresentato, tolgono il respiro, trasmettendo messaggi che subito s’intersecano con l’occhio e l’animo che si intreccia passando con le sue tele.

Cucina e arte diventano così il luogo della bellezza, intesa come risveglio della coscienza attraverso la provocazione dei sensi: dai profumi ai sapori palatali ed ai colori che tra tele e tavola entrano preponderanti nell’occhio di chi varca la soglia del ristorante al Castello.

Se è vero dunque che la sembianza ci riporta ad una somiglianza ed un apparente similitudine, è vero allora che sembianze riporta alle appartenenze ad un'unica fons et origo: la verità di due grandi uomini semplici Giancarlo Fusco e Lorenzo Dondi che hanno dedicato al loro lavoro la propria vita ed anche questa è bellezza.