Sei in Archivio

DOMENICA 9 SETTENBRE

Di Maio: "Negozi chiusi la domenica", contraria la grande distribuzione

09 settembre 2018, 21:25

Di Maio:

 Di Maio conferma la decisione del governo varare una norma per chiudere i negozi e i centri commerciali la domenica e nei festivi. 'Sicuramente entro l’anno, approveremo la legge che impone lo stop nei weekend e nei festivi, con turnazione e l'orario che non sarà più liberò, dice il ministro. Plaudono chiesa e Cgil. 'E' una grazia attesà, dice mons. Bregantini. 'E' una priorita», per la Filcams. No della grande distribuzione che prevede 40-50mila tagli ai posti di lavoro. Confcommercio, invece, è pronta al dialogo per una 'regolamentazione minimà. 'Una scelta che aiuta i colossi del web', per +Europa.

VELENI SUL PONTE CROLLATO, SCONTRO MINISTRI M5S-TOTI
SI DIMETTE SANTORO, COMMISSARIO DEL MINISTERO INDAGATO

Veleni sulla ricostruzione del ponte Morandi. Scontro ministri M5s-commissario Toti. 'Autostrade avrà un’altra brutta sorpresa. Non faccio ricostruire il ponte a chi lo ha fatto crollare. Lo deve fare un’azienda di Stato come Fincantierì, dice Di Maio. 'Più che brutte sorprese per Autostrade, dia buone notizie ai genovesi. Farebbe meglio il suo lavorò, replica Toti. Toninelli annuncia un decreto per Genova: 'Autostrade pagherà ogni all’ultimo centesimo e non ricostruirà. Toti? Fa politicà. Si dimette dalla commissione nominata dal ministero Bruno Santoro, indagato nell’inchiesta di Genova. La procura ha dato il nulla osta a installare i sensori per monitorare quel che resta del ponte. Gli sfollati torneranno per alcune ore.

 TRIA:  MANOVRA EQUILIBRATA, NON TUTTO SI PUO' FARE SUBITO
INUTILE SFORARE IL DEFICIT SE I SOLDI VANNO ALLO SPREAD

Il governo punta ad una manovra equilibrata, non farà partire una riforma senza le altre, 'perchè sarebbe una manovra squilibratà. Così il ministro dell’Economia Tria, che rivendica 'una linea prudente dall’iniziò, anche con l’Europa. 'E' inutile cercare 3 miliardi in più di deficit se poi ne perdiamo altrettanti sul mercatò con il rialzo dello spread. Palazzo Chigi smentisce che il premier Conte abbia parlato di condono fiscale. 'Sarà una riforma organica in cui il contribuente potrà entrare in nuovo regimo fiscale azzerando le pendenzè.

SALVINI:  TELEFONATA DI DI MAIO? DECIDO DI TESTA MIA
ACCORDI PER RIMPATRI DI MIGRANTI O SERVONO 80 ANNI

'Non ho ricevuto nessuna telefonata. Ho tanti difetti, ma decido con la mia testà. Salvini smentisce il chiarimento con Di Maio sui giudici. 'Non ho fatto un attacco alla magistratura il giorno prima, nè una retromarcia il giorno dopò. Quanto alla politica sui migranti conferma 'entro l’autunnò accordi con Paesi africani e asiatici per rimpatri e espulsioni. 'L'unico che funziona è con la Tunisia, ma così ci metteremo 80 anni a recuperare i 600-700mila immigrati entrati negli ultimi annì.

 SVEZIA AL VOTO, L’EUROPA TEME IL BALZO DELL’ESTREMA DESTRA
SOVRANISTI, ANTI-IMMIGRATI, EUROSCETTICI, SD PUNTANO AL 20%

La Svezia vota, l’Europa trema per l’impennata dell’estrema destra dei Democratici Svedesi. Sovranisti, anti-immigrati e euroscettici, sotto la guida del giovane Jimmie Akesson sono passati dal 6 al 13% nel 2014 e ora puntano 20%, tallonando i socialdemocratici del premier Lofven. Primi dati in serata.

POLMONITE A BRESCIA, ACCERTAMENTI SU DUE MORTI
E’ ESCLUSA LA LEGIONELLA, VERIFICHE SULL'ACQUA

Accertamenti sulle morti di un 85enne di Carpenedolo e di una 69enne di Mezzane di Calvisano per valutare se siano collegate ai casi di polmonite che stanno interessando la Bassa Bresciana. Disposta l’autopsia per chiarire le cause della morte. Esclusa la legionella. Gli accessi ai Pronto soccorso della zona sono stati 121, ma i casi di polmonite superano i 150. Ats di Brescia sta effettuando le analisi degli acquedotti perchè si ipotizza che l’epidemia sia dovuta ad un batterio nell’acqua.

BARBERA: VENEZIA E’ NEL FUTURO', MA E’ RIVOLTA ANTI-NETFLIX
AUTORI-ESERCENTI, INIQUO MARKETING AL COLOSSO DELLO STREAMING

Rivolta anti-Netflix di autori e esercenti sul verdetto della giuria di Venezia, che ha assegnato il Leone d’oro a 'Romà di Alfonso Cuaron, prodotto dal colosso mondiale dello streaming. Per Anac, Fice e Acec è 'iniquo che il marchio della Biennale sia veicolo di marketing di Netflix che mette in difficoltà il sistema delle sale. Il Leone d’Oro dovrebbe essere alla portata di tutti e non dei soli abbonati alla piattaformà. 'Tutte le polemiche sono effetto di una nostalgia che non si misura con la realtà di Netflix, che starebbe per comprare una catena di sale cinematografiche negli Usa. Il futuro sarà tra sale e la nuova realtà streaming', replica il direttore della Mostra Ferrara.