Sei in Archivio

Fidenza

36enne apre conti bancari (veri) con documenti falsi: scoperta, denunciata e arrestata

17 settembre 2018, 19:40

36enne apre conti bancari (veri) con documenti falsi: scoperta, denunciata e arrestata

E’ arrivata in città per aprire conti correnti bancari in diversi istituti di credito fidentini, utilizzando però documenti falsi.
Così i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Fidenza hanno arrestato L. I. 36 anni, origine campana, per possesso di documenti falsi, false dichiarazioni a pubblico ufficiale, tentata truffa e sostituzione di persona.
La donna versava sui conti correnti degli assegni emessi da una nota società assicurativa relativi a rimborsi di infortuni.
Ma il direttore di uno degli istituti di credito, presi di mira dalla donna, si è insospettito, in quanto aveva intuito che c’era qualcosa che non quadrava. Così grazie alla sua tempestiva segnalazione al 112, i militari si sono messi immediatamente
sulle tracce della sedicente cliente campana. La trentaseienne è stata fermata dai carabinieri proprio mentre tentava di recuperare la somma versata ed è stata trovata anche in possesso di diversi documenti di identità falsi, che  riportavano tutti la sua foto ma con dati anagrafici diversi.
I militari l’hanno bloccata e trasferita nella caserma di via Trento, dove è stata identificata e foto segnalata. Anche durante le successive fasi di identificazione, la donna, non ancora soddisfatta, ha cercato di eludere i controlli dei militari fornendo generalità false. E inoltre durante la perquisizione personale, la donna è stata trovata in possesso di altri documenti di identità falsi. Insomma tutta una serie di reati che le sono costati cari.
Constatata proprio la gravità dei reati, la truffatrice napoletana è stata successivamente arrestata e per lei si sono aperte le porte del carcere femminile di Modena. Successivamente è stata sottoposta ad udienza di convalida da parte del Gip del Tribunale di Parma che, dopo la convalida, ne ha disposto la custodia cautelare in carcere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA