Sei in Archivio

AUDITORIUM PAGANINI

"Il meglio di noi": 12 TvParma presenta le novità, dal palinsesto ai nuovi studi

19 settembre 2018, 20:34

Si sono accese le luci dell’Auditorium Paganini sul grande evento di presentazione della nuova 12 Tv Parma, la televisione nata lo scorso 12 maggio dalla fusione di due storiche emittenti del territorio (Tv Parma e 12 Teleducato) che oggi racconta il proprio rinnovamento ai parmigiani.

Il meglio di noi – il claim scelto da 12 Tv Parma per raccontare alla città la propria nuova natura in una campagna di comunicazione ad hoc – si traduce in una serata ricca di contenuti, condotta dai due coordinatori della tv, Giuseppe Milano e Pietro Adrasto Ferraguti. L’evento vede sfilare sul palco ed in video i protagonisti della nuova, grande televisione locale: personaggi della città e ospiti di rilievo, da Ivan Zazzaroni a Mauro Coruzzi, fino a José Altafini. Il nuovo palinsesto viene presentato ai cittadini, così come i nuovi studi e il nuovo cuore tecnologico su cui l’emittente ha deciso di investire per offrire il meglio ai propri telespettatori. 

Si parte con le parole di Giovanni Borri (Presidente Gruppo Gazzetta di Parma e Consigliere d'Amministrazione di Radio Tv Parma), Edwin Ferrari (Presidente TR Media) e Daniela Allodi, in rappresentanza della famiglia Allodi, per poi dare voce anche a giornalisti e tecnici, ascoltare gli interventi dei tanti ospiti e, soprattutto, vedere con i propri occhi le immagini che, meglio di ogni altra cosa, possono raccontare questo nuovo corso, una clip dopo l’altra.

Molto si punta sull’informazione, con tg ancora più ricchi, ma tanti sono anche i programmi di approfondimento “storici” riconfermati e rinnovati (da “Bar Sport” a “Calcio e calcio”, fino a “Parma Europa”, che torna ad essere trasmessa da Parma). Naturalmente, i nuovi format non mancano: molti talent, per programmi giovani che puntano a diversificare il target di riferimento dei telespettatori e qualche trasmissione ispirata a grandi successi della tv nazionale. Tutte le novità nel dettaglio sulla Gazzetta di Parma in edicola domani. M.P.