Sei in Archivio

ECONOMIA

Rinnovato il contratto integrativo in Barilla: previsto premio da 10.800 euro in 4 anni

22 settembre 2018, 18:52

Rinnovato il contratto integrativo in Barilla: previsto premio da 10.800 euro in 4 anni

«Dopo quasi 10 mesi di trattative, non prive di momenti di tensione, abbiamo sottoscritto un buon accordo che riguarda circa 4mila lavoratori. Oltre ad un incremento che porta il PPO al valore più alto di tutto il settore, ci sono importanti misure in materia di welfare sociale e turnover generazionale». Attilio Cornelli, Mauro Macchiesi e Pietro Pellegrini, segretari nazionali di Fai, Flai e Uila, dopo la firma del rinnovo dell’accordo di gruppo Barilla, giunta al termine di una due giorni molto intensa.
«L'intesa prevede un premio per obiettivi variabile di 10.800 euro sul quadriennio (2.650 nel 2018, 2.650 nel 2019, 2700 nel 2020 e 2.800 nel 2021), che a regime porterà a un aumento dell’11% rispetto a quanto previsto dall’ultimo integrativo. Importante anche l’investimento sul welfare che prevede, da un lato, un importo una tantum di 50 euro nel 2019 per i lavoratori che decideranno di iscriversi ad Alifond o che sono già iscritti, un contributo di 250 euro in tre anni per l’assistenza sanitaria integrativa, sia per gli iscritti al Fasa che al Fondo Barilla, compresi i familiari.
Inoltre, per i lavoratori che convertiranno una quota del PPO in servizi di welfare sociale, l’azienda verserà una maggiorazione del 10%.
Spazio anche al ricambio generazionale e alla valorizzazione delle competenze attraverso un percorso di analisi da effettuarsi sui singoli siti per dare avvio a una fase sperimentale di staffetta generazionale, anche nell’ottica dell’adeguamento del lavoro alle nuove tecnologie. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA