Sei in Archivio

NOVITA'

Dacia Sandero Streetway: così il «low cost» si sdoppia

di Lorenzo Centenari -

01 ottobre 2018, 00:26

Dacia   Sandero Streetway: così il «low cost» si sdoppia

Quando «low cost» non ha nulla a che vedere con «povertà». Dacia Sandero vende alla grande, tanto in Europa quanto in Italia, mercato dove addirittura aspira al podio di segmento B. Vende soprattutto negli allestimenti di fascia alta: Sandero Wow, Sandero Stepway. Il potenziale delle versioni meno accessoriate ha ancora ampi margini di sfruttamento, ecco allora l’idea di «splittare» l’offerta in due listini distinti. D’ora in avanti, Sandero Streetway sarà la formula che individuerà gli equipaggiamenti di ingresso al mondo Dacia, mentre Stepway cresce da modello singolo a intera gamma di proposte.

Più in dettaglio: rientrano nel «basket» Streetway i livelli Access e Confort, mentre Sandero Stepway (quella, per intenderci, dall’aspetto più cross country), oltre a guadagnare il 1.0 SCe benzina, verrà declinata in tre proposte: Comfort, Access e la stessa Wow.

Streetway uguale «basic»? Non proprio, visto che si possono anche includere sensori di parcheggio, radio Dacia Plug&Play con presa Aux e Usb, connessione Bluetooth, comandi al volante e clima manuale. Senza contare le opzioni della retrocamera e del navigatore con schermo touch: i sacrifici sono un’altra cosa.

Come motori, disponibili sia il benzina 1.0 SCe 75, sia il diesel 1.5 Blue dCi 75, sia infine lo 0.9 Tce 90 Turbo Gpl. A proposito: dopo nuova Duster, ora il gas sale a bordo dell’intera flotta Dacia. Prezzi a partire da 7.450 euro per la Access e da 9.200 euro per la Comfort. Provateci voi, a fare di meglio.