Sei in Archivio

PIACENZA

Sequestrò un parmigiano per farsi restituire un debito: condannato 64enne

12 ottobre 2018, 22:32

Sequestrò un parmigiano per farsi restituire un debito: condannato 64enne

Un piacentino di 64 anni è stato condannato a un anno e undici mesi di reclusione dalla Corte di Assise di Piacenza per sequestro di persona e tentata estorsione nei confronti di un uomo di Parma, nel 2016, al quale aveva prestato 200mila euro. Allora, trattenendolo per un paio d’ore, l'avrebbe obbligato a firmare dei documenti per ottenere due quadri preziosi, il cui ricavato sarebbe servito per abbattere quel debito.
Le indagini erano state affidate alla Direzione distrettuale antimafia di Bologna e l’accusa aveva chiesto una condanna a 12 anni di reclusione. I giudici piacentini hanno invece riformulato i capi di imputazione: il sequestro di persona non era più finalizzato all’estorsione ma aveva lo scopo di coazione. La tentata estorsione, invece, è stata riqualificata in esercizio arbitrario delle proprie ragioni.