Sei in Archivio

GRAN BRETAGNA

Sesso con sconosciuti come "terapia" per una 23enne autistica: bufera a Manchester

Servizi sociali sotto accusa. La famiglia: "Fatta prostituire una ragazza con un passato di abusi"

18 ottobre 2018, 15:50

Sesso con sconosciuti come

E’ bufera sui servizi sociali in Gran Bretagna. Il Times ha denunciato in prima pagina il caso di una 23enne autistica che è stata incoraggiata ad avere incontri sessuali occasionali con diversi uomini, del tutto estranei, nell’ambito di una discutibile idea terapeutica promossa dagli assistenti sociali di una agenzia, la Engage Support, alle dipendenze del municipio di Manchester. Sul giornale si legge che lo scopo della insolita forma di trattamento, andata avanti per due mesi e che era stata approvata perfino da un tribunale, era quello di spingere la giovane donna a «imparare dai suoi errori». La cosiddetta "terapia" di incontri casuali, anche in luoghi pubblici, è stata interrotta lo scorso mese dopo l'intervento di uno psichiatra che in un rapporto l’aveva definita «inaccettabile» per il livello di rischio al quale la 23enne era stata sottoposta. I pericoli per la giovane autistica, di cui il Times non rivela il nome per ragioni legali, riguardavano «abusi sessuali, violenza, lesioni e morte». La famiglia della giovane, che ha avuto una infanzia molto travagliata e subìto abusi sessuali in passato, si è detta «inorridita» da quanto accaduto e ha parlato di un «esperimento» che ha portato a «prostituirsi una giovane donna molto vulnerabile».