Sei in Archivio

GIOVEDI' 18 OTTOBRE

Ultimatum dell'Ue sulla manovra: "Strappo senza precedenti"

Conte e Tria: "Dialogo aperto"

18 ottobre 2018, 21:24

Ultimatum dell'Ue sulla manovra:

 Uno strappo 'senza precedenti nella storia del Patto di stabilita», dovuto a un’espansione vicina all’1% e a una deviazione dagli obiettivi dell’1,5%'. E’ durissima con l’Italia la lettera della Commissione Ue, che chiede al governo risposte 'entro lunedi». Moscovici la consegna al ministro Tria che si augura di poter avvicinare le posizioni spiegando le riforme strutturale. Ma a Bruxelles il clima è gelido. Merkel invita Roma a dialogare, mentre Juncker avverte che non ci sarà altra flessibilità. 'Nessuna comprensione per l’Italià, attacca il cancelliere tedesco Kurz. Conte ora pensa alle agenzie di rating: 'Scongiureremo il giudizio negativò.

LITE M5S-LEGA SUL CONDONO, GOVERNO IN BILICO. SPREAD A 320
CONTE:  IL CDM-BIS? LO CONVOCO IO. SALVINI:  IL TESTO NON CAMBIA

Governo in bilico sul decreto fiscale. M5s chiede un secondo Cdm domani per cambiare le norme sul condono, ma Salvini chiude alle modifiche e alla nuova riunione. 'Il testo resta com'e», dice. Conte: 'Il presidente sono io e lo convoco io, non so se Salvini verrà, è in campagna elettoralè. La Lega sorpresa per Rc Auto: 'Norma mai condivisa. Non esiste problema aumenti assicurazioni al Nord’. 'Misure lette e discussè, la replica dei 5Stelle. Alta tensione sui mercati. Lo spread balza a 320, massimi dal marzo 2013. Aumentano ancora i rendimenti. Piazza Affari chiude a -1,89%.

ILARIA CUCCHI CONTRO NISTRI: "VUOLE COLPIRE CHI PARLA" 
"UNO SPROLOQUIO SENZA SCUSE, VOGLIO VERITA' E GIUSTIZIA"

'Dal generale Nistri mi sarei aspettata non dico delle scuse, perchè avrebbe potuto essere per lui troppo imbarazzante, ma certo non 45 minuti di sproloquio contro Casamassima, Rosati e Tedesco, gli unici tre pubblici ufficiali che hanno deciso di rompere il muro di omertà nel mio processò. Così Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, parlando dell’incontro avuto ieri a Roma con il comandante generale dell’Arma, Giovanni Nistri che si chiede: 'perchè punire chi ha parlato?'. Alla ministra Trenta chiede 'solo verità e giustizià.

STRADA DEI PARCHI A RISCHIO SICUREZZA, SCONTRO SUI FONDI
GLI SFOLLATI DEL PONTE NELLE CASE, 50 SCATOLONI PER UNA VITA

'Inadeguati gli standard di sicurezza per decadimento manutentivo della Strada dei Parchì. Scure del ministero dei Trasporti sulla A24-A25: limitare il traffico pesante e adeguare 56 gallerie. La Concessionaria: 'Sbloccate i fondì. Ritorno nelle case per gli sfollati del ponte di Genova, per la prima volta dopo il crollo, per raccogliere, in 50 scatoloni ognuno, le proprie cose. Momenti di emozione per alcuni. Nessuno stop per il tunnel del Brennero, tuona Salvini la Pedemontana, il terzo valico e l’energia in Puglia.

DICIOTTI, L’INCHIESTA A CATANIA. SALVINI, CHIUDETELA QUI
IL GIUDIZIO NON SARA' AL TRIBUNALE DEI MINISTRI DI PALERMO

Cambia sede l’inchiesta per sequestro di persona aperta a carico del ministro dell’Interno Salvini in merito al trattenimento sulla nave Diciotti dei migranti soccorsi in mare dalla Guardia Costiera il 16 agosto scorso. Il tribunale dei Ministri di Palermo si è spogliato del caso e ha trasmesso gli atti alla Procura di Catania dichiarandosi territorialmente incompetente a indagare. Salvini: 'Ma chiudetela qui e lasciatemi lavorare!'.

"MORTO IN UN INCIDENTE UNO DEI KILLER SAUDITI DI KHASHOGGI" 
L’ULTIMO EDITORIALE: "AL MONDO ARABO SERVE LIBERTA' DI STAMPA"

Il luogotenente dell’aviazione saudita Mashal Saad al-Bostani, tra i 15 membri del commando a Istanbul il giorno della scomparsa e presunto killer del reporter Jamal Khashoggi, è rimasto ucciso in un 'incidente d’auto sospettò in Arabia Saudita. Il Washington Post pubblica oggi l’ultimo editoriale di Jamal Khashoggi, recapitato al quotidiano americano dal suo traduttore il giorno dopo la scomparsa del reporter a Istanbul, il cui titolo è: 'ciò di cui il mondo arabo ha più bisogno è la libertà di espressionè.

UCCISE IL MARITO CHE LA PICCHIAVA, BALLERINA ASSOLTA
E’ STATA "LEGITTIMA DIFESA", ERANO STATI CHIESTI 16 ANNI

E' stata assolta Alessia Mendes, una ballerina di origini brasiliane di 40 anni che a giugno 2017 uccise il marito Alessio Rossi, 35 anni, a Genova, al culmine di una lite. Il gup ha accolto la tesi del difensore, Rachele De Stefanis: fu legittima difesa. Il pm Paola Crispo aveva chiesto la condanna a 16 anni. Mendes aveva detto da subito di avere colpito il marito perchè anche quel giorno la stava picchiando. Dalle indagini era emerso che Rossi era stato denunciato 2 volte per maltrattamenti e lesioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA