Sei in Archivio

DUE RUOTE

Cambia la patente per la moto. Per le autoscuole rischio ritardi in esami

Prove ad alta velocità e sicurezza ma mancano gli spazi idonei

22 ottobre 2018, 00:05

Cambia la patente per la moto. Per le autoscuole rischio ritardi in esami

Più velocità ma anche, e non è una contraddizione, più sicurezza: cambiano, con l’introduzione di un esercizio più difficile, le prove per ottenere le patenti A, A1 e A2 per ciclomotori e moto che «diventano sempre meno agevoli rispetto alla patente auto». Ma è allarme per i rallentamenti alle prove d’esame, dato che in molti casi mancano le aree idonee, che per legge devono essere più grandi del passato, per poter svolgere gli esami di «pratica».
A introdurre le nuove prove (ridotte da sei a tre, come avviene per le altre patenti di grado superiore) è un decreto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in vigore dal 27 ottobre, che tra l’altro prevede un esercizio di evitamento dell’ostacolo a 50 km/h anzichè, come nelle vecchie normative, a 30 km/h. «Questo esercizio - spiega Michele Moretti dell’Associazione nazionale ciclo motociclo e accessori (Ancma) - se da un lato è molto più difficile, dall’altro garantisce molto di più la sicurezza perchè per superarlo occorre avere molta padronanza del mezzo». Secondo Emilio Patella, segretario nazionale autoscuole (Unasca), in molti tra autoscuole e motorizzazioni civili non sono attrezzati per poter ospitare le prove. «Occorrono infatti - sottolinea - aree lunghe 90-100 metri per 30 di larghezza, e non tutti le hanno. Il rischio è di un forte rallentamento delle prove d’esame».

© RIPRODUZIONE RISERVATA