Sei in Archivio

PORTO RECANATI (MACERATA)

Arsenale armi finte e distintivi in casa, sequestrati da Cc

Denunciato 39enne a Porto Recanati, c'era fucile a 'canne mozze'

24 ottobre 2018, 14:00

(ANSA) - PORTO RECANATI (MACERATA), 24 OTT - Un 'arsenale' di armi giocattolo senza tappo rosso, tra cui la fedele riproduzione di un fucile a 'canne mozze', distintivi in metallo falsi delle forze dell'ordine, due tirapugni, uno sfollagente, due machete e cinque pugnali. Il materiale, probabilmente funzionale a compiere reati, è stato sequestrato dai carabinieri del Reparto Operativo di Macerata, guidato dal col. Walter Fava, in un garage e un appartamento a Porto Recanati nella disponibilità di un 39enne di origini siciliane con precedenti di polizia per reati contro la persona e in materia urbanistico-edilizia. I militari, insieme agli uomini della Compagnia di Civitanova Marche, hanno trovato in una sacca dentro un'armadio le armi finte tra cui cinque pistole e una carabina di precisione ad aria compressa. L'uomo è stato denunciato per possesso di segni distintivi contraffatti. Sono in corso indagini per accertare se le 'armi' siano state modificate come previsto dalla legge e se siano state utilizzate in episodi delittuosi. In particolare, all'interno dell'abitazione nella disponibilità del 39enne, c'erano tre tesserini con distintivi in metallo senza matricola con le scritte Arma dei Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza, una paletta con adesivo rifrangente intestata 'Reparto investigativo', un paio di manette in metallo e vari tesserini con le scritte 'Cia' e 'Fbi'. Tra le armi rinvenute anche una balestra e alcuni coltelli a serramanico. Gli investigatori hanno rilevato la buona fattura delle armi giocattolo, fedeli riproduzioni di quelle vere: in particolare i fucili; una delle pistole si avvicina molto anche per il peso a quella in dotazione individuale alle forze di Polizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA