Sei in Archivio

Gazzetta delle donne

Donne al lavoro: brave non basta. Dieci mosse per essere vincenti

Per quanto si senta parlare di pari opportunità, ammettiamolo: sul lavoro, gli uomini vincono facile. Otegha Uwagba, 28enne londinese, laureata a Oxford e fondatrice di «Women Who», la community on line per donne creative, ha scritto un libro in cui rivela tanti piccoli segreti per essere vincenti sul lavoro. E ce li ha raccontati

di Monica Rossi -

24 ottobre 2018, 16:47

Donne al lavoro: brave non basta. Dieci mosse per essere vincenti

Determinate, ambiziose, preparate. Faranno carriera? Per quanto si senta parlare di pari opportunità, ammettiamolo: sul lavoro, gli uomini vincono facile. A loro vanno i posti più ambiti e guadagnano di più. Lo conferma anche Eurostat, secondo cui in Italia (per altro virtuosa rispetto a Europa e Usa) il «gender pay gap» (differenza tra salari orari lordi medi) è del 5,3% in più a favore dei maschietti.

Seccante, vero? Ma, anziché recriminare, incanaliamo positivamente le energie e sentiamo cosa ha da dire in proposito una che di carriera ne sa. Tante dritte in un piccolo manuale. Si chiama «Little Black Book per ragazze che lavorano» (Solferino, 122 pagine) ed è stato scritto da Otegha Uwagba, 28enne londinese, laureata a Oxford e fondatrice di «Women Who», la community on line per donne creative. Che alla Gazzetta ha raccontato come avere successo nel lavoro.

1 - NON SIATE TIMIDE

«Autopromuovetevi: le vostre idee valgono. Non siate timide, date loro voce», esordisce Otegha. Se già lavorate, dunque, mettete in mostra la vostra combinazione di esperienze e competenze; se siete agli inizi, fatevi notare per la freschezza tipica di chi è spinto dall’entusiasmo. «Mettersi in luce però deve andare a braccetto con lavorare sodo, rispettare le regole e avere talento», aggiunge.

2 - NON FATEVI DISTRARRE

Al mattino, partite con un’ora di anticipo rispetto all’orario abituale, magari sfruttando quei sessanti minuti per pianificare il lavoro della giornata: non solo nessuno potrà distrarvi, ma renderete di più perché nelle ore centrali potrete concentrarvi sui progetti più impegnativi. Una volta sveglie, la tentazione di fiondarsi sullo smartphone è forte: resistete! Fanno perdere tempo prezioso.

3 - SOLDI, PARLATENE

Soldi: parlartene liberamente ma con cognizione di causa. Chiedete un aumento solo quando siete sicure di meritarlo e «certe di aver ottime argomentazioni a vostro sostegno»; presentate un preventivo solo dopo aver considerato tutti gli aspetti del progetto. «Prima di parlare di soldi, informatevi: confrontatevi con i colleghi».

4 - LAVORO > COMPENSO

Al colloquio, andateci con una cifra precisa: calcolatela aggiungendo il 20% in più. Così avrete margine di contrattazione! Non accettate un lavoro senza compenso, a meno che non ne otteniate un ritorno di immagine».

5 - L’ABITO FA IL MONACO

In «Little Black Book», Otegha consiglia anche di adottare una «divisa» da lavoro: scegliete uno stile che vi contraddistingua, che vi renda riconoscibili. Dimmi dove lavori e ti dirò chi sei. Createvi un ambiente di lavoro secondo queste parole chiave: ordine, verde (piante), luminosità, comfort e (se possibile) musica di sottofondo.

6 - L'UNIONE FA LA FORZA

«Siete donne, non macchine Il troppo stroppia: accettare troppi incarichi pur di non deludere il datore di lavoro rischia di essere contro produttivo. E se siete mamme, trovate il giusto equilibrio tra famiglia e carriera. Io non ho figli - svela Otegha -, ma sono convinta che una donna possa trovare la forza di fare bene qualunque cosa. Meglio ancora se cerca il sostegno di altre mamme. Create una community. L’unione fa la forza».

7 - LEZIONI DI ELOQUIO

«Aggiornate costantemente il vostro curriculum, date la giusta importanza ai social per autopromuovervi e imparate a parlare in pubblico. L’età non è mai un limite. Entrare o rientrare nel mondo del lavoro è sempre possibile».

8 - NON E' MAI TROPPO TARDI

«Mai pensare di aver perso il treno: ne passerà un altro. E liberiamoci dell’idea che per far carriera bisogna dimostrare di essere stati fenomeni già in tenera età».

9 - GESTIRE LE DELUSIONI

«“No” ve lo sentirete dire spesso, soprattutto se fate un lavoro creativo. Ma, ricordate: le delusioni fanno crescere. E ricordate che prima o poi chi vi apprezzerà arriverà».

10 - SIATE CORRETTE

Nella giungla del mondo del lavoro, vietato trascurarsi. Vogliatevi bene, prendetevi cura di voi stesse e, già che ci siete, siate corrette. «Negli ultimi anni, si è verificata un’allarmante deriva di valori - afferma Otegha -. Se siamo capaci di tenere fede ai valori morali più importanti, non possiamo sbagliare».