Sei in Archivio

Europa League

Il Milan perde in casa con il Betis. Gattuso nel mirino

Ma la società rassicura: "La panchina non è a rischio"

26 ottobre 2018, 00:16

Il Milan perde in casa con il Betis. Gattuso nel mirino

Dopo il derby che ha incrinato le certezze, il Milan non ha reagito in Europa League, sconfitto 1-2 dal Betis a San Siro. Il bel gioco e la lucidità degli spagnoli fanno sfigurare la squadra di Gattuso, che ha rischiato di subire più di due gol (al 30' Sanabria e al 10' della ripresa Lo Celso) e può essere confortato solo dalla reazione del finale, frutto della scossa del solito Cutrone. Entrato nella ripresa, il giovane attaccante ha brillato ben più del nervoso Higuain, e a 7' dalla fine ha riaperto una partita che il Milan avrebbe potuto pareggiare se l’arbitro non avesse sorvolato sul contatto in area fra Bartra e Castillejo (espulso nel recupero per un fallaccio), con il difensore che colpisce più caviglia che pallone.


Finisce con il Betis che balza al primo posto del Gruppo F e la festa dei 7mila tifosi in trasferta da Siviglia. Il ko non compromette la qualificazione del Milan ai sedicesimi (è 2/o, a +2 sull'Olympiacos che ha battuto il Dudelange) ma mette in evidenza i limiti tecnici, tattici e mentali dei rossoneri, e non giova alla posizione di Gattuso che ha riconosciuto  la delicatezza del momento.  "E' giusto che io sia messo in discussione. E' difficile per un allenatore dormire dopo una prestazione così, una delle più brutte - ha detto a Sky -. Questa squadra non può pensare di fare un campionato importante con questa mentalità. Nella mia testa c'è tanta preoccupazione e amarezza, non posso accettare una prestazione così. Abbiamo perso la bussola, è stata una partita di sofferenza, stiamo perdendo le nostre sicurezze". 

La panchina di Rino Gattuso non è assolutamente a rischio. Questa la linea che filtra dal Milan dopo la sconfitta in Europa League contro il Betis, la seconda di fila dopo quella nel derby di domenica scorsa