Sei in Archivio

FORNOVO

Ponte sullo Sporzana: timori per le piogge

I residenti: «Due delle tre campate sono ostruite da un boschetto e dal deposito di ghiaia»

27 ottobre 2018, 00:45

Ponte sullo Sporzana: timori per le piogge

Ponte sullo Sporzana: timori per le piogge. Diversi residenti sono preoccupati per la situazione in cui versa il greto sotto il ponte che attraversa il torrente a Sivizzano, in località Roncolungo.

Due delle tre campate sono infatti occluse da un «boschetto», cresciuto in questi anni, e dal deposito di ghiaia. Solo un’arcata rimane libera e consentirebbe il deflusso dell’acqua, quando l’autunno e l’inverno torneranno a farsi sentire. Attualmente il torrente è praticamente asciutto, un rivolo, ma quest’estate prolungata non durerà per sempre e quando comincerà a piovere, soprattutto con le modalità alle quali il cambiamento climatico ci ha abituato, con improvvise e abbondanti «bombe» d’acqua, potrebbero verificarsi problemi. Il torrente troverebbe un muro, in quel punto. «Qualche anno fa lo Sporzana era ad esempio esondato - spiegano i residenti - in diverse aree della frazione: in seguito all’evento erano stati realizzati, nelle due campate attualmente ostruite, degli «scivoli» costituiti da pietre di grandi dimensioni che favorirebbero il passaggio delle acque se si verificasse una piena. Per la presenza della vegetazione ora non servirebbero allo scopo previsto. Inoltre, il lavoro che non è mai stato completato sotto la terza arcata, i cui pilastri sono particolarmente erosi alla base». Nel 2016, per prevenire danni in caso di piena, erano stati anche rimossi gli alberi nelle immediate vicinanze del torrente, per evitare che venissero travolti dalla corrente, andando a formare delle barriere naturali al deflusso. Tra i principali timori segnalati, anche quelli per le utenze. «Nell’unico braccio libero del torrente - spiegano infatti - è allo scoperto la tubazione che porta il gas metano alla frazione ed è in parte fuori terra la linea del telefono. Ci auguriamo che un’eventuale piena non provochi un’interruzione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA