Sei in Archivio

PITTSBURGH

Uomo armato spara nella sinagoga: 11 morti. Il killer rischia la pena di morte

27 ottobre 2018, 19:42

Uomo armato spara nella sinagoga: 11 morti. Il killer rischia la pena di morte

Un uomo armato ha aperto il fuoco nella sinagoga di Pittsburgh tree of Life. Il bilancio è di 11 morti. Dodici i feriti.  L'uomo   ha sparato anche contro gli agenti quando sono arrivati, costringendoli a ripararsi dietro le loro automobili. La polizia ha ordinato agli abitanti del quartiere di restare in casa. La sinagoga era piena di fedeli per il servizio religioso del sabato. Le forze dell'ordine hanno riferito di aver ricevuto molte richieste di aiuto da persone barricate all'interno. L'uomo ha urlato insulti e ingiurie. Agli agenti delle forze speciali avrebbe urlato: «Tutti questi ebrei devono morire».  Robert Bowers, 46 anni, bianco, vicino agli ambienti dell'ultradestra Usa, è stato arrestato come responsabile dell'accaduto. 

«Dovremmo rafforzare le nostre leggi sulla pena di morte» per chi compie atti come quelli Pittsburgh: «lo so che alcuni non la pensano come me». Lo afferma il presidente Donald Trump. 

PER IL KILLER 29 CAPI D'ACCUSA. Robert Bowers è stato formalmente accusato: nei suoi confronti sono stati presentati 29 capi d’accusa, anche quello di crimine d’odio. Il killer della sinagoga di Pittsburgh è in queste ore in ospedale dopo la strage con cui ha ucciso 11 persone, ferendone altre sei. Bowers rischia la pena di morte.