Sei in Archivio

BOLOGNA

Minacciò madre che faceva ragù, condannata figlia vegana

A pagare multa e ammenda. Le gridò di smettere o ti accoltello

31 ottobre 2018, 17:50

(ANSA) - BOLOGNA, 31 OTT - Divenuta vegana non sopportava più l'aroma del ragù rigirato a fuoco lento dalla madre - una pensionata modenese 69enne - tanto da arrivare a minacciare di accoltellarla. Per quei fatti, risalenti al 2016, la donna, una 48enne che non mangia carne da tempo, è stata condannata dal Giudice di Pace a pagare alla mamma 400 euro di multa e 500 euro di ammenda. A rendere noto la vicenda è la 'Gazzetta di Modena'. Quelle minacce da parte della figlia - che aveva abbracciato con convinzione la causa vegana - aveva spinto la donna a presentare denuncia nei suoi confronti. Nel corso di uno dei tanti litigi andati avanti per mesi la 48enne era arrivata a gridare alla madre, riporta il quotidiano, "adesso ci penso io a farti smettere: se non la pianti di fare il ragù ti pianto un coltello nella pancia!". Frasi che avevano fatto scattare la denuncia e, ora, la condanna del Giudice di Pace.

© RIPRODUZIONE RISERVATA