Sei in Archivio

ROMA

Wikileaks: Ecuador, 'Assange rispetti sovranità del Paese'

Quito ‘non permetterà insinuazioni lontane da verità’

31 ottobre 2018, 21:00

(ANSA) - ROMA, 31 OTT - L'Ecuador esige che Julian Assange, da sei anni rifugiato nell'ambasciata ecuadoriana a Londra, "rispetti la sovranità e il buon nome del Paese, e non permetterà affermazioni o insinuazioni gratuite lontane dalla verità sulla condotta del governo riguardo all'asilo diplomatico che è stato concesso" al fondatore di Wikileaks. Lo ha dichiarato il ministero degli Esteri ecuadoriano in una nota. Quito ha accolto con favore la decisione di un giudice ecuadoriano che ha rigettato un'azione legale intrapresa da Assange contro il governo in cui il fondatore di Wikileaks chiedeva che fossero allentate le misure restrittive impostegli negli ultimi mesi, che a suo avviso sarebbero tese a convincerlo a lasciare la sede diplomatica. "La decisione del tribunale ha confermato che il protocollo che regola le visite, le comunicazioni e le cure mediche per il signor Assange è in armonia con i diritti umani, è pienamente conforme al diritto d'asilo e il diritto nazionale", continua il comunicato del ministero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA