Sei in Archivio

in corsivo

Gratta e perdi

di Patrizia Ginepri -

04 novembre 2018, 14:16

Gratta e perdi

L'Italia è il Paese in cui si vendono più gratta e vinci al mondo: stampiamo un quinto dei biglietti di tutto il pianeta. Ma quante possibilità ci sono di grattare, ad esempio, il premio di 500mila euro di un «Nuovo Miliardario»? Una su 5 milioni e 280mila biglietti, lo 0,000013 per cento. E quante probabilità esistono di mollare tutto e diventare «Turista per sempre»? Una su 2 milioni e 880mila, lo 0,000035 per cento. Il giocatore non è affatto consapevole delle reali probabilità di vincita, perché queste informazioni non sono contenute sul retro tagliando, o meglio, sono riportate in maniera parziale, accorpando varie classi di premio. Dettagli che dovrebbero disilludere gli irriducibili del «vinco e mollo tutto». Che, fra l'altro, sono anche sbadati per non dire imbranati. Un tabaccaio del centro di Milano ha candidamente confessato a una mia amica che controllando ogni sera i cestini colmi di tagliandi, è riuscito a raggranellare un piccolo gruzzolo per la figlia. Che dire, cornuti e mazziati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA