Sei in Archivio

IL VINO

Tenuta Perano, Classico o Riserva è il manifesto del Chianti

di Andrea Grignaffini -

06 novembre 2018, 16:17

Tenuta Perano, Classico o Riserva è il manifesto del Chianti

Da lungo tempo il Chianti Classico rappresenta la vera star del Chianti, nonostante erroneamente venga considerato come un territorio, trattandosi invece di un prodotto merceologico. Riproduce, comunque e innegabilmente, uno dei simboli della Toscana in quanto costituisce uno dei punti più alti della viticoltura mondiale. Sono pochi i luoghi che possono vantare un passato talmente ricco di storia, di bellezze naturali, artistiche e di cultura materiale.

Le zone di tale denominazione, o ancor meglio le sottozone, nascono in un ambiente eterogeneo e libero, dove le sfaccettature diventano incredibili, estendendosi per 718 km², dei quali 304 appartengono alla provincia di Firenze e 414 alla provincia di Siena.

La famiglia dei Marchesi Frescobaldi, viticoltori da settecento anni, ha aggiunto in questo comprensorio, all’interno della loro costellazione (come loro stessi amano definirla) una proprietà di grande fascino e bellezza, situata in una delle parti più vocate, a Gaiole in Chianti, al confine con Radda.

Parliamo di Perano, 250 ettari magnificamente esposti a Sud, con altitudini fino ai 500 metri s.l.m., un territorio con un suolo ricco di scheletrato, argilla, galestro e una parte sabbiosa.

Un’arena naturale di calcare bianco riscaldato dalla luce e dal calore del sole con venti meridionali di giorno, mentre di notte subisce le raffiche della tramontana. La famiglia Frescobaldi effettuati i necessari ritocchi ha conservato nella cantina i vecchi serbatoi in acciaio e botti di rovere di Slavonia ancora in buono stato. Segnaliamo allora il Tenuta Perano Chianti Classico e il suo omonimo il Riserva 2015.

Due vini ricchi di profumi e carichi di tannini; in evidenza il colore violaceo luminoso. Nel primo un surplus di frutta (ciliegia, mora, lampone); in bocca note balsamiche mediterranee.

Nel Riserva predominano i sentori di ribes nero, spezie e humus del sottobosco che ritroviamo anche nel sorso dinamico e potente.