Sei in Archivio

LA PAROLA ALL'ESPERTO

Pensioni Inpdap, alcuni mesi per la liquidazione definitiva

08 novembre 2018, 21:36

Pensioni Inpdap, alcuni mesi per la liquidazione definitiva

IL QUESITO
Sono un ex dipende statale settore scuola in pensione dal 1 /9 /18 con il sistema misto, chiedo quando si provvederà al ricalcolo dell'importo . In attesa di una risposta saluto cordialmente e ringrazio.
N.C.

____________

Paolo Zani*
Il problema è noto da tempo, anzi direi da sempre. L’Inpdap, generalmente e contrariamente all’Inps, non procede alla liquidazione definitiva in sede di prima attribuzione della pensione per tutta una serie di motivi. Tra questi il fatto che nel calcolo dell’importo di pensione non tutte le voci stipendiali sono utili alla determinazione dello stesso e l’Inpdap, ora Inps, non sempre è in grado di individuare in sede di prima liquidazione le indennità escluse a volte anche per carenti comunicazioni da parte delle amministrazioni da cui si era dipendenti.
IL QUADRO
Bisogna anche tenere conto di eventuali rinnovi contrattuali che spesso vengono applicati retroattivamente e che influiscono nella determinazione dell’importo di pensione. Un altro fattore importante è stato introdotto dalla legge finanziaria del 2015 (legge n° 190 del 2014, art. 1 comma 707) che ha previsto che, in relazione a tutte le pensioni, sia Inps che Inpdap, liquidate e da liquidarsi con una quota contributiva per contribuzione successiva al 1° gennaio 2012, per i lavoratori con almeno ad almeno 18 anni di contributi al 31.12.1995, l’Inpdap deve operare un doppio calcolo: calcolo misto, con quota retributiva sulle anzianità maturate fino al 2011, e quota contributiva sulle anzianità dall’1.1.2012 in poi; calcolo interamente retributivo sulla intera contribuzione maturata ante e post 1.1.2012.
Effettuato questo doppio calcolo, deve essere messo in pagamento il trattamento risultante di importo complessivamente inferiore tra i due. La norma trova applicazione, per tutte le pensioni liquidate con calcolo misto a partire dall’1.1.2012 in poi: laddove il calcolo interamente retributivo comporti un importo inferiore a quello misto, l’importo retributivo va a sostituirsi al misto. Questo doppio calcolo, deve essere effettuato d’ufficio da parte dell’Inpdap ora Inps ma, di fatto, questa procedura ha rallentato la liquidazione definitiva delle pensioni.
LA SOPPRESSIONE DEL 2011
Ricordo che l’Inpdap, l’istituto previdenziale dei dipendenti pubblici, è stato soppresso nel 2011 dalla legge Fornero (Legge n° 214/2011) e che le sue funzioni sono state assorbite dall’Inps pur mantenendo tutte le sue specificità. E da qui il problema da lei sollevato: nell’Inps, per diversa organizzazione interna, le pensioni vengono quasi sempre liquidate in via definitiva in quanto l’Inps per le gestioni previdenziali di sua competenza ha i dati in tempo reale soprattutto nel caso dei lavoratori dipendenti. Non sono in grado di dirle i tempi per la liquidazione definitiva: dipende da sede Inps a sede Inps. Per quanto riguarda la sede di Parma, fonti sindacali parlano, nella migliore delle ipotesi, di alcuni mesi. In ogni caso stia tranquillo. L’importante è che la sua pensione, definitiva o no, sia regolarmente in pagamento. 
* www.tuttoprevidenza.it

Inviate le vostre domande su fisco, lavoro, casa, previdenza a
esperto@gazzettadiparma.net