Sei in Archivio

Gotha

Alto antiquariato e arte moderna. Collezionisti e investitori da tutto il mondo

Si rinnova lo storico appuntamento fino a domenica alle Fiere di Parma

10 novembre 2018, 12:14

Alto antiquariato e arte moderna. Collezionisti e investitori da tutto il mondo

Oltre 60 gallerie internazionali e 300 opere d’arte tra Old Master e Novecento: ci sono ad esempio un prezioso Bureau Plat alla maniera di André-Charles Boulle del XIX secolo, un cofanetto de XV secolo della Bottega dei Trionfi Romani (1480 - 1490), ed una mosaico  bizantino del V secolo.
Poi c'è il Novecento, con le tele di artisti come Filippo De Pisis, Tullio Crali, Guido Reni, Camillo Procaccini e Giovanni Boldini (il suo “Ritratto di donna seduta” è quotato 350 mila euro), solo per citarne alcuni.
La 14° edizione di Gotha alle Fiere di Parma è questo: un mix virtuoso di artwork di altissimo antiquariato e arte moderna per strizzare l’occhio a nuovi pubblici.
«Opere che hanno un percorso così illustre sono particolarmente preziose e, se combinate con l’arte moderna, possono ulteriormente attirare nuovi target di pubblico attenti appunto all’arte come forma di investimento - afferma Gian Domenico Auricchio, presidente di Fiere di Parma -. Siamo dunque partiti dal concetto di rarità ma anche di conformità per riposizionare Gotha, concetti che abbiamo sviluppato inserendo nel format anche un’area dedicata espressamente alle opere notificate».
Tra le novità assolute dell’ appuntamento internazionale di Fiere di Parma figura infatti la sezione dedicata alle opere notificate: si va da “Le tentazioni di S. Antonio Abate” (1590-1595) di Camillo Procaccini, ad un armadio da sacrestia di metà ‘700 (proprietà Fondazione Cini) fino alla tempera del “Compianto su Cristo morto” del XVI secolo.
«Abbiamo costruito questa sezione e in generale la nostra offerta - prosegue Auricchio- pensando ai privati ma anche ai musei che a Gotha potranno così acquistare opere per le loro collezioni con la stessa logica con cui i curatori vengono inviati ai grandi appuntamenti mondiali».
Gotha si rinnova in una congiuntura di mercato favorevole. Sarà l’ effetto traino del Salvador Mundi di Leonardo acquistato nel 2017 da un privato per 450 milioni di dollari. Sarà il potere di emulazione di Victoria Beckam, (ex Spice, modella, moglie del calciatore David) della quale sono circolate le foto del suo show- room con inaspettate opere “Old master” appese ai muri, sta di fatto che l’arte antica ha riacceso l’interesse di collezionisti (giovani) e degli investitori. Secondo un recente report dell’ArtTactic basato su interviste a mercanti d’arte antica, è emerso infatti che il 63% afferma di aver aumentato le vendite nei primi sei mesi del 2018 mentre solo il 13% parla di decrescita. Gli intervistati hanno inoltre riferito che il 41% delle vendite effettuate sono state realizzate con clienti nuovi e sempre più giovani.
E se l’arte antica è tornata alla riscossa - nel 2017 secondo uno studio Artprice ha capitalizzato vendite per 1,075 miliardi di dollari con un aumento del 92,6% sulla stagione precedente - Gotha risponde con un intenso programma di incoming che porterà a Parma buyer da mezzo mondo (Russia, centro Europa e USA).
D’altra parte che le fiere abbiano un ruolo fondamentale nel mercato mondiale dell’arte lo dicono anche i numeri: nel 2017 pare abbiano rappresentato il 46% delle vendite tramite intermediari (Report Ubs “The art market 2018).
Gotha chiuderà domenica.