Sei in Archivio

NEL BICCHIERE

«Opthymus Elixir», l'amaro di erbe scelte dal farmacista Andrea Nicola

di Andrea Grignaffini -

27 novembre 2018, 15:07

«Opthymus Elixir», l'amaro di erbe scelte dal farmacista Andrea Nicola

Il timo (Thymus vulgaris) è un piccolo arbusto molto ramificato con foglie piccole opposte dai fiori lilla o bianco-rosati minuti in spicastri densi. La sua storia è antichissima, in Egitto era l’unguento per imbalsamare i morti. I greci, lo chiamavano thymòn, in quanto stimolava la forza, l’energia, il coraggio e lo bruciavano durante i sacrifici.

I Romani lo mettevano in prossimità degli alveari per ottenere un miele profumato e pregiato, il suo impiego variava dai condimenti, alla preparazione dei piatti e alla profumazione di vini e formaggi. Nel Medioevo ebbe momenti di gloria in quanto le dame lo donavano ai loro innamorati per proteggerli durante le battaglie. Per trovare il timo migliore al mondo ricco di timolo con una concentrazione doppia rispetto a tutti gli altri, ci spostiamo in Val d’Aosta per incontrare un farmacista sui generis, Andrea Nicola, appassionato di enogastronomia, studioso con l’hobby dell’alchimia per carpire i segreti alle erbe nelle sue preparazioni di fitocosmetici di montagna e rimedi naturali per curare la salute. Il suo hobby nasce dal suo orto, situato nel centro della città, alle spalle della Cattedrale, in cui Nicola ha messo a dimora ben trenta piccoli appezzamenti divisi l’uno dall’altro dove coltiva ogni specie di piante e di erbe di cui molte perenni, che forniscono la materia prima per le sue miscele. Il suo fiore all’occhiello è Opthymus Elixir, un amaro di erbe al timo di montagna lavorate e miscelate con perizia e attenzione. L’ausilio di strumenti idonei come un modernissimo ed efficientissimo estrattore tecnologico consente di estrarre completamente i componenti di un fitocomposto per poi essere miscelato con altri estratti di erbe e piante che danno vita a un liquore con un tenore alcolico piuttosto contenuto, sui 25°, dal gusto altamente balsamico, morbido, elegante che lo rende un’ottima bevanda da sorbire con ghiaccio ma anche liscio ovviamente a temperatura leggermente refrigerata.