Sei in Archivio

FORMULA 1

Daniel Ricciardo: "Dovevo cambiare aria. La Ferrari? Avevamo parlato ma..."

Dopo 5 anni alla Red Bull l'australiano passa alla Renault. E si racconta

di Paolo Ciccarone -

02 dicembre 2018, 21:42

Daniel Ricciardo:

Ha tirato un sospiro di sollievo, ma anche di tristezza. Perché, ad Abu Dhabi, Daniel Ricciardo ha corso l'ultima gara della carriera con la Red Bull, la squadra che lo ha lanciato ma anche deluso spesso e volentieri, specie in questa stagione. Come al solito è momento di bilanci, che Daniel affronta col sorriso sulle labbra, come fa di solito anche davanti ai momenti brutti...

"Ho avuto una stagione terribile da un lato, incredibile dall'altra. Ho cominciato bene l'anno, due vittorie, speciale quella a Montecarlo, indimenticabile davvero. Poi ho avuto tanti di quei problemi tecnici che mi hanno davvero deluso, non sapevo più cosa aspettarmi. Ecco. La seconda parte di stagione è stata qualcosa di terribile, irritante e umiliante per tutti i problemi che ho dovuto incontrare. Alla fine era meglio per me cambiare aria e ho firmato con Renault, non sarei riuscito ad andare avanti ancora un anno in queste condizioni".

Cinque anni alla Red Bull, un bilancio che a parte gli ultimi gran premi non è da buttare...

"No, affatto. Con loro ho fatto la prima pole position, ho vinto la prima gara e poi tante altre ancora. Abbiamo avuto momenti incredibilmente belli, è stato un bel team e devo dire che sono molto legato ai ragazzi della squadra. Ecco, loro mi mancheranno davvero tanto, sono stati tutti incredibilmente simpatici, bravi e amici, a loro vorrò sempre bene".

Poi è successo qualcosa, Verstappen che vince e tu ritiri a ripetizione, il clima pesante, qualcosa si si è rotto...

"Intanto diciamo che con Max ho un ottimo rapporto, è un bravo ragazzo, uno che va forte e che ti costringe a tirare fuori tutto di te e quando lo fai scopri che devi fare ancora uno sforzo. Si è rotto qualcosa all'interno, ho capito che per me non c'era più posto alle condizioni che volevo, Chris Horner lo ha capito e ha accettato a malincuore la mia decisione di andarmene".

Nessun riferimento a Helmut Marko, il vero motivo per cui Ricciardo ha preferito andarsene. E poi c'è Alain Prost, che ha detto gli dispiace alla Renault di non poterti dare subito una macchina competitiva, perché sei un pilota da titolo mondiale.

Cosa rispondi?

"Alain è sempre stato molto gentile con me, ha sempre speso belle parole. So che sarà un anno difficile, ma possiamo fare bene. E' una sfida, magari non saremo vincenti, ma io confido che un paio di gare riusciremo a vincerle. Renault ha il potenziale e la gente giusta per farcela. Speriamo di farlo in breve tempo".

Tasto Ferrari, a un certo punto durante la stagione sembrava fatta col tuo arrivo a Maranello, poi si è bloccato tutto. Addirittura si era detto che avevi chiesto troppi soldi...

"Non saprei dire perché non so di cosa si parla. Chi ha detto che avevo chiesto troppi soldi mente. evidentemente qualcuno ha detto no al mio arrivo...Chi? Mi piacerebbe saperlo, ma forse ho una idea..."

Adesso che la stagione è finita e puoi parlare, ci puoi dire cosa è successo con la Ferrari? Sembrava tutto fatto e invece...

"Ah ah ah... bella domanda. Forse meglio se la fai a loro... Avevo parlato e discusso, ma si vede che avevano già preso accordi con Leclerc, per cui è caduto il mio. Spero per loro che sia la scelta giusta e che funzioni bene, buona fortuna. Per quanto mi riguarda, spero di restare ancora del tempo in F.1 e chissà mai che in futuro non ci siano le occasioni per ritrovarsi, stavolta è andata così..."