Sei in Archivio

basket

Nba: infortunio all'inguine per LeBron James

Domani risonanza magnetica per verificare l'entità infortunio

26 dicembre 2018, 11:09

Nba: infortunio all'inguine per LeBron James

Un problema all’inguine, che sarà verificato domani con una risonanza magnetica, ha costretto LeBron James a chiamarsi fuori nella gara tra Los Angeles e Golden State. Il n.23 dei Lakers è infatti uscito poco dopo l'inizio del secondo tempo a seguito di una scivolata sul parquet che lo ha costretto a tornare negli spogliatoi. Prima di uscire dal campo, LeBron aveva a referto aveva 17 punti, 13 rimbalzi e cinque assist in appena 21 minuti. 

Uscito il 34enne fuoriclasse (compirà gli anni fra 4 giorni) e con gli ospiti sul +14, sembrava che il match avesse ormai preso la sua piega. Invece, proprio l'infortunio di LeBron ha fato la spinta giusta ai Lakers che hanno chiuso 127-101, dando una lezione ai campioni in carica. Sugli altari Rajon Rondo, entrato nell’ultimo quarto d’ora di gara e capace di chiudere con 15 punti e 10 assist. A dimostrazione del gioco corale di Los Angeles, il fatto che a fine gara sono stati ben sette i giocatori in doppia cifra tra i Lakers.
Nelle altre gare nella notte italiana, al Madison Square Garden i Milwaukee Bucks sbancano New York con un eloquente 95-109, grazie alla grande serata di Giannis Antetokounmpo capace di 30 punti e 14 rimbalzi. A Boston, Celtics e Sixers Philadelphia danno vita a una delle partite più emozionanti della stagione, decisa solo al supplementare e da uno straordinario Irving: finisce 121-114 con il play capace di 40 punti. Ed altrettanti (41 per la precisione) li firma James Harden che deciso la sfida tra Houston e Oklahoma (113-109), a cui non sono bastati i 28 punti e 14 rimbalzi di Paul George.- Tutto facile, infine, per Utah Jazz che vince facile (117-96) contro Portland.