Sei in Archivio

Manovra

Venezia: da ieri il ticket di ingresso è realtà

Potrebbe essere tra 2,5 e 5 euro, sostituirà tassa soggiorno

30 dicembre 2018, 14:29

Venezia: da ieri il ticket di ingresso è realtà

Il 'ticket' di ingresso a Venezia è da ieri sera una realtà, grazie alla Legge di Bilancio approvata dalla Camera che, al comma 1129, prevede la possibilità di applicare il contributo - tra i 2,5 e 5 euro - a chi raggiunge «con qualunque vettore la città antica». Andrà a sostituire l’attuale tassa di soggiorno. L’ipotesi è che funzioni con sostituto d’importa: a pagare, come sovrapprezzo sui biglietti, dovrebbero essere cioè le compagnie che fanno servizio di trasporto - pullman, aerei, navi da crociera - a fini commerciali in arrivo a Venezia.

Il Comune di Venezia è autorizzato «ad adottare nelle proprie politiche di bilancio, in alternativa all’imposta di soggiorno, l’applicazione del contributo di sbarco previsto per le isole minori. Inoltre, l’importo massimo consentito per entrambe tali misure è elevato a 10 euro». E' quanto prevede, all’art.1, il comma 1129 del maxiemendamento alla legge di bilancio, che introduce la cosiddetta 'tassa di sbarcò, in sostanza un ticket per chi - con qualunque vettore - arrivi a Venezia per turismo e non pernotti in città.
La misura fiscale, si legge ancora nell’articolo, «potrebbe conseguire un effetto selettivo e moderare l’accesso delle cosiddette grandi navi alla zona lagunare».