Sei in Archivio

L'ESPERTO

Il cumulo delle contribuzioni versate nelle casse professionali: come gestirlo

Sportello previdenza: ecco che cosa è cambiato con la legge Finanziaria del 2017. Come affrontare la gestione separata

05 gennaio 2019, 18:17

Il cumulo delle contribuzioni versate nelle casse professionali: come gestirlo

Il quesito
Ho lavorato dal 1993 al 2003  con collaborazioni saltuarie e co.co.co. con iscrizione alla gestione separata e dal 2004 sono lavoratrice dipendente iscritta a una cassa di professionisti, i contributi versati nella gestione separata andranno persi? Si possono cumulare alla pensione vera e propria?
C.F.

Fino a qualche anno fa il suo problema non sarebbe stato di facile soluzione; la contribuzione versata nella Gestione separata, in generale, non era ricongiungibile o cumulabile se non nel caso in cui i versamenti previdenziali fossero avvenuti in data successiva al 1° gennaio 1996. Questa contribuzione poteva dare origine ad una pensione autonoma o supplementare al compimento dell’età pensionabile.
COSA È CAMBIATO
Oggi fortunatamente le cose non stanno più così e Le dico subito che può stare tranquilla! per due motivi:
1. Se, come dice, ha contribuzione nella Gestione separata INPS dal 1993 evidentemente ha riscattato onerosamente dei periodi antecedenti all’ aprile/giugno 1996 data da cui scattava (legge n° 335/1995 art. 2 comma 25 e DM n° 166/1996 art .4 c. 1) l’obbligo per determinate categorie di lavoratori di versare la contribuzione alla nuova gestione separata. Se cosi fosse, e alla data del 1° gennaio 1996 non aveva accreditato alcun altro contributo previdenziale, il problema non esiste in quanto già risolto dal DM n° 184 del 1997, art. 1, che stabilisce che per i lavoratori che si vedranno liquidata la pensione esclusivamente con il sistema contributivo, e potrebbe essere il suo caso, è data facoltà di utilizzare , cumulandoli (gratuitamente), al fine di perfezionare il diritto a pensione, i periodi assicurativi non coincidenti accreditati presso diverse forme pensionistiche.
2. Se, invece, avesse accreditato anche un solo contributo assicurativo in una gestione diversa da quella separata in data anteriore al 1° gennaio 1996 il problema è stato risolto dalla legge n° 228 del 2012 (Legge finanziaria 2013) che ha stabilito la possibilità di cumulo gratuito di tutti gli spezzoni contributivi.
LA LEGGE
All’inizio la legge prevedeva solo casi ben precisi (contributi versati all’Inps, all’Inpdap, all’Enpals oltre che nella Gestione separata e ai vari fondi (elettrici, telefoni, autoferrotranvieri, ecc. ,ecc.) costituiti presso l’Inps escludendo di fatto tutti i contributi versati presso Casse professionali.
Ma con la legge finanziaria del 2017 ( legge n° 232/2016) si è prevista la possibilità di cumulare anche la contribuzione versata nelle casse professionali. Per cui…come detto…no problem!!

*www.tuttoprevidenza.it